Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Klay Thompson e James Wiseman in campo: ma con gli altri Warriors (in G League)

NBA
©Getty

Sia il super tiratore che la seconda scelta assoluta al penultimo Draft sono stati assegnati dai Golden State Warriors ai loro "cugini" di G League. Una mossa pensata per permettere ai due di continuare ad allenarsi in California, ma che fa di Santa Cruz (almeno sulla carta) la squadra col roster più prestigioso di tutta la G League

Uno dei migliori tiratori della storia del gioco e la seconda scelta assoluta al penultimo Draft. Non male rafforzarsi così, da un giorno all'altro, soprattutto se si parla di una squadra di G League. In particolare i Santa Cruz Warriors, che hanno accolto nel loro roster Klay Thompson e James Wiseman, "parcheggiati" da Golden State nel roster della loro squadra satellite per un semplice motivo: permetter loro di continuare ad allenarsi in California mentre Steph Curry e compagni saranno lontano da San Francisco, ieri impegnati a Los Angeles contro i Clippers e ora attesi nello Utah dai Jazz. Segno però che il rientro dei due in campo è sempre più imminente, e quindi ogni giorno è buono per far trascorrere tempo in palestra ai due giocatori. Il doppio recupero di Thompson in particolare - dalla rottura dei legamenti del ginocchio in finale NBA nel 2019 e poi del tendine di Achille - è monitorato da vicino da tutta la lega, perché il suo ritorno in campo al fianco di Steph Curry potrebbe dare un'ulteriore spinta ai Golden State Warriors, già al vertice della classifica NBA con un clamoroso record di 18-2 dopo le prime 20 partite.

leggi anche

Momento di fragilità per Klay: le parole di Green

A differenza dei cugini, gli Warriors di Santa Cruz non navigano in buone acque nella classifica della West Division G Leauge, con 3 vinte a fronte di 4 perse, ma almeno per il momento questo non vuol dire che si vedranno Thompson e Wiseman in campo per Santa Cruz (come invece era successo per Ibaka agli Agua Caliente Clippers). Per ora coach Kerr e lo staff di Golden State vogliono soltanto che il percorso di recupero (anche di condizione fisica) dei due proceda nel miglior modo possibile. E se mai dov'essero scendere in campo per Santa Cruz, forse si tratterebbe della versione più forte di sempre di una squadra di G League...