Please select your default edition
Your default site has been set

Mercato NBA, Los Angeles Lakers: due anni di contratto per Johnson, fa discutere Westbrook

mercato nba
©Getty

La squadra di Los Angeles raggiunge un accordo di due anni con il centro arrivato il giorno di Natale e diventato indispensabile per i gialloviola: sarà lui a occupare il 15° posto nel roster. Intanto fanno notizia le ricostruzioni riguardo gli scenari di mercato che hanno portato Westbrook ai Lakers: Buddy Hield era già pronto a lasciare i Kings, ma poi sono intervenuti James e Davis a cambiare le cose

HAWKS-LAKERS IN STREAMING: CLICCA QUI

Come atteso già da qualche giorno, dopo le ottime prestazioni per impatto e resa sul parquet da parte di Stanley Johnson, i Lakers hanno deciso di offrirgli un contratto di due anni - rendendo stabile la sua presenza nel roster e occupando con questo accordo il 15° posto a disposizione. Diventato fondamentale sin dalla partita di Natale contro Brooklyn, ha idealmente chiuso il cerchio sempre contro i Nets un mese dopo - terminando così la serie di accordi di 10 giorni e firmando fino al giugno 2023, accettando una team option che lascia l’opportunità ai gialloviola di avere grande flessibilità in estate sul mercato. Nel quintetto flessibile che coach Vogel è stato costretto a sperimentare per cause di forza maggiore in queste settimane, l’impatto di Johnson è stato decisivo: energia, rimbalzi, stoppate, difesa, senza andare in difficoltà nonostante la mancanza di tiro e pericolosità sul perimetro. Il quintetto con lui, James, Westbrook, Bradley e Monk è stato il più usato dalla squadra di Los Angeles, ottenendo i risultati più promettenti: +12.7 di Net Rating in 72 minuti. Una valida alternativa da tenere in considerazione anche per il futuro.

Pelinka voleva Buddy Hield, ma LeBron e Davis hanno spinto per Westbrook

vedi anche

Lakers, cosa fare sul mercato? Le tre opzioni

Nel frattempo, come nelle migliori serie TV, è andata in scena nelle ultime ore un’altra puntata riguardo la squadra di Los Angeles e il rapporto dei gialloviola con il mercato - finito nell’occhio del ciclone dopo la pessima gestione di questi primi tre mesi di regular season da parte di Westbrook. Chi ha voluto il n°0 in squadra? La risposta è semplice: LeBron James e Anthony Davis. Stando a quanto raccontato da Marc Stein infatti, sono i due All-Star Lakers ad aver forzato la mano quando il GM Rob Pelinka aveva prospettato l’arrivo di Buddy Hield in squadra (probabilmente per un pacchetto che avrebbe permesso anche di evitare di sacrificare tutti quei giocatori del roster). James e AD però hanno incoraggiato vivamente la dirigenza a cambiare rotta e a cercare Westbrook - più adatto secondo loro a mantenere competitivo e rendere da titolo il gruppo. Chissà se sei mesi dopo sono ancora dello stesso avviso.