Olimpiadi invernali 2018, quanto vale una medaglia? Numeri e curiosità

Olimpiadi

Le Olimpiadi invernali in corso a PyeongChang hanno festeggiato il primo podio nello skiathlon femminile: oro alla svedese Charlotte Kalla davanti alla norvegese Marit Bjoergen e alla finlandese Krista Parmakoski. Ma, nella ricompensa economica, i Paesi del Nord non sono in cima alla classifica: è l'Italia a primeggiare...

I RISULTATI DELL'OTTAVA GIORNATA - CLICCA QUI PER TUTTI I RISULTATI

IL MEDAGLIERE

STORIE: KESHAVAN, LO SLITTINISTA CHE SI ALLENA PER STRADA - IL PORTABANDIERA "UNTO" DI TONGA DA RIO ALLA COREA

Simbolo di una carriera, ricordo splendido da mettere in bacheca, ma non solo: le medaglie olimpiche hanno anche un valore economico ben preciso. In seguito all'assegnazione del primo oro conquistato da Charlotte Kalla nello skiathlon, scopriamo il valore economico delle medaglie in palio fino al 25 febbraio a PyeongChang.

L'Italia è il Paese più ricco, capace in questa inedita classifica di superare gli Stati Uniti: premesso che tutti i premi sono lordi (è prevista una tassazione del 405), una medaglia vale 150mila euro. Partendo dal podio Svezia-Norvegia-Finlandia dello skiathlon, invece, bisogna considerare una situazione molto diversa nei Paesi del nord: non sono previsti premi in denaro, ma associazioni apposite offrono incentivi finanziari e partnership pluriennali. Sono medaglie "di peso": dotate di un design molto speciale, riflettono la cultura e la tradizione del Paese. 586 grammi per quella d'oro, 580 per quella d'argento, 493 per quella di bronzo.

I più letti