Coronavirus e Olimpiadi Tokyo, una comunicazione da cambiare

coronavirus
Lia Capizzi

Lia Capizzi

Martedì il presidente del CIO Thomas Bach farà, in videoconferenza, il punto sulla situazione dei Giochi di Tokyo con i rappresentanti delle federazioni sportive internazionali. Alla luce dell'emergenza Coronavirus forse occorre cambiare comunicazione e non continuare a rilasciare affermazioni categoriche: “Le Olimpiadi si faranno come previsto”

CORONAVIRUS, GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA

Premessa fondamentale, tutti amano le Olimpiadi: atleti, tifosi e noi media. Ma in una situazione simile, durante una emergenza sanitaria mondiale senza precedenti, con un numero così pauroso di vittime e contagiati, con le enormi preoccupazioni per i posti letto in terapia intensiva che scarseggiano, dinnanzi al lavoro incessante di medici, infermieri, volontari che senso ha continuare a ribadire: "Le Olimpiadi di Tokyo si faranno, come previsto" ?

 

Durante il momento più nero nella storia dello sport, con quasi tutte le competizioni sospese, che senso ha continuare a rilasciare affermazione categoriche: "E' impossibile che le Olimpiadi non si facciano!". Perché queste sono le dichiarazioni che da giorni sentiamo dire dai membri del CIO o dalle Organizzazioni di Tokyo 2020 e dai politici nipponici. Qui non è in discussione il valore delle Olimpiadi o il rispetto per gli atleti che da 4 anni hanno impostato la loro vita, i loro sacrifici per il sogno a cinque cerchi. Lo sappiamo. Molto bene.

 

Conosciamo pure gli investimenti in ballo o l'eventuale perdita economica nel caso di un annullamento, o il problema degli ipotetici calendari ingolfati nell'ipotesi di uno slittamento. Gli stessi problemi ce li hanno l'Nba, l'Uefa, la Formula Uno, la MotoGp, l'Atp di tennis o gli organizzatori del Giro d'Italia, del Tour de France, e così via.

 

Martedì il presidente del CIO Thomas Bach farà in videoconferenza il punto sulla situazione con i rappresentanti delle Federazioni Sportive Internazionali, sarà un momento di confronto importante ne siamo sicuri. Ma in un mondo che naviga a vista, con gli stessi esperti che non azzardano certezze, ci piacerebbe dal CIO ricevere d'ora in poi considerazioni più realistiche del tipo: "Adesso la priorità è la salute generale, per le Olimpiadi ci riaggiorniamo a fine aprile o a maggio". Perché anche la comunicazione fa la differenza.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche