Davin e Cordero, i due segreti del nuovo Fognini

Tennis

Francesco Giambertone

fognini_davin_cordero

Il miglior Fognini degli ultimi anni non è lì per caso: dietro i suoi successi a Miami ci sono 4 mesi di lavoro con il nuovo coach argentino e col preparatore atletico che gli hanno fatto perdere 3 chili e ridato serenità. Ecco i due uomini della rinascita di Fabio, che ora scherza con Flavia Pennetta: "Nina, non torno più"

Mentre Fabio Fognini prendeva a pallate Kei Nishikori sul campo di Miami, le telecamere inquadravano di continuo il suo angolo, dove (giustamente) si agitava l'amico Bobo Vieri venuto a tifare per lui. Dicono sia diventato un talismano, ma i veri artefici della rinascita del “Fogna” - oltre a Fabio stesso – sono seduti due file più in giù, sotto la sorella Fulvia. Sono due sudamericani dal pelo grigio e la faccia burbera, uno affianco all'altro: Franco Davin, il coach che gli ha rimesso a posto tennis e testa, e Duglas Cordero, il preparatore atletico che lo ha riportato in forma. Soffrono, incitano, poi esultano. E fanno bene: il loro lavoro sta ripagando.

La svolta a novembre - Con la vittoria sul giapponese numero 4 del mondo Fabio Fognini ha conquistato la semifinale di un Masters 1000 dopo 4 anni (primo italiano a riuscirci sul cemento), ha recuperato 12 posizioni nel ranking mondiale (da 40° a 28°) e la vetta di quello italiano, ma soprattutto ha mostrato una solidità di colpi e di mentalità che gli mancava da mesi, forse da anni. Non si tratta di una settimana fortunata, ma della logica conseguenza di un lavoro cominciato nel novembre scorso, quando Fabio – precipitato al numero 49 del mondo - ha scelto di affidarsi a Davin, argentino per 7 anni allenatore di Del Potro.

Un post condiviso da Fabio Fognini (@fabiofogna) in data:

 

Obiettivo Top 10 - Davin, ex tennista mai salito oltre la 30esima posizione, ha fatto meglio da coach che da giocatore. Con lui vinsero uno Slam Gaston Gaudio nel 2004 (Roland Garros) e “Delpo” nel 2009 (Us Open), mentre con Dimitrov la collaborazione è durata pochi mesi. “L'obiettivo è riportare Fabio in top-10”, disse Davin a gennaio tra lo scetticismo generale. “Non deve più dipendere dall'intuizione ma trovare stabilità”, quella che Fabio ha mostrato a Miami contro Harrison, Sousa, Chardy, Young e Nishikori.

Il nuovo "Fogna" rinato a Miami - A novembre Fognini ha raggiunto Davin in Florida e lì ha iniziato a lavorare su tennis e testa. A Indian Wells si erano visti i primi risultati, a Miami sono esplosi evidenti: Fabio ha ricominciato a comandare con il suo dritto da fondo, ha migliorato molto il servizio e non si è mai fatto prendere dal nervosismo, gestendo bene i momenti difficili (vedi il primo set perso con Chardy) e concedendo pochissimi passaggi a vuoto. Senza strafare, con un tabellone che glielo permetteva, Fognini ha battutto i giocatori che il suo talento gli imponeva di battere: vincere le partite alla sua portata è un primo enorme traguardo. Così è arrivato ai quarti, dove non si è lasciato sfuggire l'occasione di far fuori un Nishikori fuori forma.

Spiaggia, sudore e addominali - Il coach del “Fogna” sapeva che tutto questo non sarebbe stato possibile senza che Fabio tornasse ad avere una condizione fisica accettabile. “Fabio – raccontò Davin a gennaio - viene da un anno in cui è stato a lungo infortunato, ha preso qualche chilo. Nei prossimi tre mesi va messo a punto il metodo che gli consenta di giocare un anno senza infortuni”. E così lo ha messo nelle mani di Duglas Cordero, preparatore fisico cubano che ha seguito anche Francesca Schiavone. A furia di allenamenti funzionali in spaggia, sull'erba, sul cemento e in palestra, Cordero ha cancellato la pancetta di Fabio - per incitarlo lo chiama "bestia" - e gli ha restituito la forza nelle gambe che gli è servita per arrivare bene su ogni palla.

Un post condiviso da Duglas Cordero (@duglascordero) in data:

 

"Nina, non torno più" - Ora che abbiamo rivisto il miglior Fognini degli ultimi 4 anni bisogna tenere (tutti) i piedi per terra: non chiedetegli la semifinale in tutti i 1000 della stagione, ma solo di continuare come ha fatto questa settimana, superando i tennisti più indietro di lui in classifica, giocando tranquillo e concentrato, convinto dei suoi colpi. A Miami tutto sta funzionando, al punto che sulla telecamera a fine match il Fogna ha scritto un messaggio per la sua Flavia Pennetta, che lo aspetta a Barcellona in dolce attesa: “Nina, non torno più”. Ma Fabio, in realtà, è già tornato.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.