Miami, il sogno di Fognini finisce con Nadal

Tennis

Stefano Olivari

Lo spagnolo ha vinto la prima semifinale del torneo battendo 6-1, 7-5 un Fognini che ha iniziato troppo nervoso, ma che si è ripreso nel secondo set dando anche l'illusione della grande rimonta. Per l'italiano dieci giorni da sogno e il ritorno sicuro nei primi 30 giocatori del mondo. All'una italiana l'altra semifinale Federer-Kyrgios in diretta esclusiva su Sky Sport 2

Il sogno americano di Fabio Fognini è finito. Il più forte, cioè Rafa Nadal, ha vinto 6-1 7-5 e per l’italiano non si può parlare di occasione persa. Di occasione che lui non si è giocato al massimo però sì, perché contro il maiorchino ha spesso disputato ottime partite (il bilancio era 7-3 Nadal) e perché in questa settimana ha giocato quello che probabilmente è il miglior tennis della sua vita. E Nadal forse il suo peggiore, particolare non secondario. Ma i fenomeni chiudono i tornei in crescita, gli ottimi giocatori si fermano a un certo livello. 

All’inizio il nervosismo e la tensione sono da una parte sola, quella italiana. Del resto non potrebbe essere altrimenti: per Nadal è la cinquantanovesima semifinale in un Masters 1000 (la settima a Miami), per Fognini, di un anno più giovane, la seconda. Va detto che Fognini non è in genere uno da partenze a razzo, non lo è stato nemmeno a Miami, ma con Nadal è tensione pura. Il break in favore dello spagnolo arriva già al quarto game: gli è sufficiente tenere la palla profonda e aspettare gli errori dell’azzurro, che sembra il Fognini del resto del torneo soltanto quando azzarda qualche palla corta. Nadal dispone del contratto avversario come vuole e al sesto game con cinque punti di fila ottiene un break che pare mettere sotto terra il morale dell’avversario. Fognini non tiene mentalmente nemmeno negli scambi a velocità di crociera e il 6-1 per Nadal in 25 minuti, con 28 punti contro 12, è francamente incommentabile. Nell’angolo di Fognini (l’allenatore Davin, la sorella Fulvia, Bobo Vieri) l’unica speranza risiede nel passato, visto che in due delle sue tre vittorie negli scontri diretti, a Rio e agli U.S Open, Fognini aveva perso il primo set. Ma non si era in una semifinale così importante, un macigno psicologico che si aggiunge a Nadal e atutto ciò che una semifinale di un Masters 1000 con Nadal rappresenta.

Per spezzare il ritmo dello spagnolo si ricorre al pit-stop in bagno, come ormai fanno in troppi. Di sicuro Fognini rientra in campo con la testa ancora nel match, diversamente non riuscirebbe a riemergere da uno 0-40 al terzo game. La differenza con il Fognini dei precedenti cinque turni di Miami è soprattutto nelle gambe, troppi colpi devono venire corretti di braccio e il vento certo non lo favorisce. Vento che esiste anche per Nadal, beninteso, che però ha un margine di sicurezza maggiore. Sul 2-2 game drammatico, con Nadal che più volte sfiora il break e Fognini che tira fuori il suo miglior tennis soprattutto dalla parte del rovescio. Finalmente anche Nadal deve correre e in un recupero curiosamente perde una scarpa: segno di affanno, di minore cura dei particolari, chissà. Forse solo un caso, come si vedrà. Comunque Fognini va sul 4 a 3 e per la prima volta sfiora il break, sul 40 pari, mettendo addosso a Nadal una pressione nuova. Qui davvero la partita si potrebbe riaprire, anche se Fognini è sui suoi limiti e Nadal all’80%. Non si riapre, anche perché il servizio dello spagnolo viaggia bene: nemmeno una palla break concessa. Sul 5 pari e 30 pari l’episodio definitivo, più che decisivo, con una palla corta di Fognini eseguita alla perfezione. Anzi, quasi alla perfezione: perché il vento la sposta di quel tanto che basta per dare il punto a Nadal, seguito da un doppio fallo dell’italiano. 6-1 7-5 per Nadal che va in finale per la quinta volta in un torneo che non ha mai vinto, mentre a Fognini rimane il ricordo di dieci giorni meravigliosi e l’entusiasmo per la stagione sulla terra europea ormai alle porte. Fognini ha perso per vari motivi, ma fra questi non sembra ci sia l'appagamento: Miami può davvero essere un inizio. 

 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.