La Giorgi riparte: batte la Pliskova a Praga. E' un nuovo inizio

Tennis

Stefano Olivari

Giorgi

Nel WTA di Praga l'italiana ha battuto 7-6 6-2 la campionessa ceca, confermando il suo potenziale a dispetto del ranking attuale che la costringe in tanti tornei a partire dalle qualificazioni. Per lei forse un nuovo inizio, con anche l'apertura della Garbin per la Nazionale

Camila Giorgi battendo 7-6 6-2 Karolina Pliskova a Praga ha conquistato la vittoria forse più importante della sua carriera. Non solo perché la ceca è la giocatrice numero 3 del ranking WTA e sarà fra le favorite dei prossimi Wimbledon e U.S. Open (a New York l'anno scorso è stata finalista), ma perché la Giorgi era ed è in un momento difficilissimo: fuori dalla Nazionale e anche dalla federazione (non è più tesserata FIT) per la vicenda del contratto non onorato, con piccoli infortuni e crisi di fiducia che l'hanno portata alla posizione numero 99 del mondo, la Giorgi aveva bisogno di una grande vittoria per ripartire psicologicamente visto che il suo gioco è sempre da prime 30 del mondo, con punte di rendimento potenzialmente altissime. Per lei battere una top ten non è certo una novità, le era già successo sei volte, fra cui una con Sara Errani (bei tempi...) e una con Maria Sharapova a Indian Wells: il suo tennis-videogame, da Agassi al femminile, dà fastidio a tutte ma l'assenza di un piano B, soprattutto sulla terra battuta (a Praga si gioca proprio sulla terra), le ha sempre impedito un vero salto di qualità a livello di classifica.

Adesso nessuno sa cosa possa fare in questo torneo (domani giocherà con la cinese Wang, numero 57 del mondo), ma il discorso deve essere più generale: il 2016 è stato il primo anno perdente, cioè con più sconfitte che vittorie, dal 2008 (quando Camila aveva 16 anni), non può quindi sempre essere colpa della tattica, del papà-allenatore Sergio (era lo stesso papà-allenatore anche quando era numero 30 del mondo), degli infortuni. Pur avendo grandi punte di rendimento, il livello medio della Giorgi è sceso e non certo perché nel tennis femminile si stia assistendo a una fioritura eccezionale di talenti.

Il fatto poi di dover disputare le qualificazioni in alcuni grandi tornei (è successo anche a Stoccarda, dove ha perso al primo turno proprio nelle qualificazioni) le ha dato la sensazione concreta di essere tornata indietro. Per questo diciamo che quella contro la Pliskova è la vittoria è la vittoria più importante della carriera: perché può essere un nuovo inizio, a 25 anni, questa volta da donna e non più da ragazzina di talento. E l'intelligente apertura di Tathiana Garbin, sul suo ritorno in Federation Cup, non potrà che aiutarla. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.