Roma, ai quarti una buona versione di Djokovic

Tennis

Stefano Olivari

Novak Djokovic esulta dopo la vittoria con Bautista-Agut negli ottavi di finale di Roma 2017 (Getty)
esultanza_djokovic

Il numero 2 del mondo ha piegato Bautista-Agut nel suo ottavo di finale con un doppio 6-4, mostrando buoni segnali a livello di atteggiamento dopo tante partite giocate quasi per dispetto Internazionali d'Italia, tutti i risultati del tabellone maschile

Novak Djokovic (numero 2 ATP) ha battuto Roberto Bautista-Agut (20) negli ottavi di finale degli Internazionali d'Italia: 6-4 6-4 il punteggio.

Atteggiamento

Erano mesi che non si vedeva un Djokovic con la testa così dentro la partita. Non è che abbia mostrato un tennis da cineteca, intendiamoci, ma quello che ha mostrato l'ha accompagnato con un atteggiamento e una concentrazione da vecchio Djokovic, da Djokovic che pensava al tennis 24 ore su 24. Diversamente non sarebbe uscito vivo dal confronto con lo spagnolo, bravissimo per tutto il match a tenere una lunghezza di palla chirurgica e impegnando il serbo in molti braccio di ferro, con il chiaro intento di fargli saltare i nervi. In parte sono anche saltati, ma ai danni dei raccattapalle rei, a suo giudizio, di dargli le palline con lentezza.

Errore

Djokovic è stato però bravo a vincere giocando con gli schemi di Bautista-Agut, un tennis di pressione che manderebbe in asfissia quasi chiunque. Non Djokovic, che nonostante l'attuale autogestione (chissà cosa può dirgli il fratello Marko, dopo l'addio allo storico staff) sta fisicamente bene e deve soltanto trovare certe sensazioni. Non è mancato l'errore arbitrale, in un momento fra l'altro decisivo, con lo spagnolo che sarebbe potuto andare sul 5-4 ed invece ha poi, dopo l'errore, subito il break di Djokovic. Davvero una cattiva chiamata, anche se i cultori del calcio-wrestling in questi casi direbbero che poi Djokovic ha 'legittimato' il risultato. Con l'ausilio del diritto a uscire di Bautista-Agut, che nei momenti caldi ha abbandonato lo spagnolo.

Prospettive

Difficile dire quale Djokovic vedremo domani o al Roland Garros, non lo sa nemmeno lui. Bisogna però sottolineare che anche questo Djokovic in fase di riflessione sul senso della vita, più che su quello del tennis, è pur sempre Djokovic e contro chi gli è tecnicamente inferiore quasi sempre raddrizza la partita, a volte senza nemmeno volerlo. A Montecarlo si è arreso soltanto ad un Goffin extra-lusso (7-5 al terzo), nei quarti di finale. A Madrid ha perso invece in semifinale con il Nadal tritatutto: ha perso male, molto male, ma in alla semifinale di un Masters 1000 c'era comunque arrivato. E qui a Roma le prospettive sono più o meno le stesse. Anche questo Djokovic minore, che da una parte ringrazia la famiglia (in tribuna c'erano tutti, dalla moglie Jelena al padre) e dall'altra ne è soffocato, è un giocatore battibile soltanto da pochi eletti.

 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche