Wimbledon 2017, scatta l'ora della "Middle Sunday"

Tennis

Matteo Renzoni

Wimbledon (Getty)
middle_sunday_getty

Dopo un'insolita settimana contraddistinta dal sole e dal caldo, i tabelloni sono allineati agli ottavi di finale. Va in scena la consueta "Middle Sunday", la domenica di riposo tipica dello slam inglese

Sole batte pioggia 6-0 6-0 6-0. Con le nuvole che al massimo hanno fatto un giro dalle parti dell’All England Club con l’idea di godersi il torneo senza disturbarne il regolare svolgimento. È andato tutto liscio e asciutto, insomma, proprio come previsto dal meteo che a Londra ha grande tradizione e di solito è preciso come un occhio di falco. Così con i tabelloni perfettamente allineati agli ottavi di finale, la domenica è proprio domenica. Nel senso che il protocollo sarà rispettato pienamente: porte del Club chiuse e residenti di Wimbledon – intesa come cittadina - pronti a godersi il loro giorno di pace in mezzo alle due settimane più movimentate dell’anno.

E dire che non è andata sempre così: quattro volte nella lunga storia del torneo la domenica di mezzo è stata violata, cioè presa a pallate dai giocatori, per smaltire i match rimandati a causa del tempo avverso. È accaduto pure l’anno scorso: tennisti in campo, pubblico sugli spalti. Con prezzi tanto popolari rispetto al solito da trasformare la “Middle Sunday” in “People Sunday”. Sedici donne e sedici uomini, stavolta, sono pronti a godersi 24 ore con le corde un po’ meno tese del solito. Con i “Doherty Gates” chiusi – cancelli di ingresso al tempio verde della racchetta – quelli rimasti in corsa si trasferiranno ad Aorangi Park per una sessione di allenamento insieme ai rispettivi coach. Occasione per pulire la tecnica e ripassare la tattica, conoscendo già il nome del prossimo avversario. Poi pomeriggio “off”, come dicono da queste parti, per fare tutto quello che non è concesso durante il torneo. Per fortuna alla lavatrice ci pensa il Club, anche per evitare che qualcosa possa rimanere umido o peggio ancora stropicciato. In fondo il bianco ha bisogno di una cura particolare: detersivo, bicarbonato, candeggina e ammorbidente. E manopola impostata sulla temperatura di 60 gradi.

Risultato assicurato, ammesso che le scivolate di questi giorni non abbiano lasciato segni verdi troppo marcati. A proposito, chi non riposa nemmeno di domenica è il team super addestrato di giardinieri. Quest’anno super lavoro considerando la condizione dei prati e gli infortuni che hanno scatenato la polemica legata alla manutenzione. In questo caso una nuvola un po’ cattivella avrebbe fatto comodo considerando il grado di “cottura” della superficie di tutti i campi. Acqua prevista per martedì, quando a sorridere sarà l’erba. Un po’ meno i tennisti costretti a fare avanti e indietro. Ma intanto è domenica, anzi “Sunday”. Per definizione il giorno del sole.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche