Us Open, Federer avanti con fatica su Tiafoe. Nadal batte 3-0 Lajovic

Tennis
Roger Federer (Foto Getty)
federer_getty_2

Servono 5 set allo svizzero per sbarazzarsi del giovane statunitense dopo 157 minuti di gioco. Finisce 4-6 6-2 6-1 1-6 6-4, al prossimo turno ostacolo Youzhny o Kavcic. Nadal rischia di concedere il primo set, ma lo porta a casa grazie a un controbreak sul servizio per il set a favore del serbo. Nel secondo e terzo parziale pura accademia per il maiorchino. Rinviato il derby italiano Fognini-Travaglia

US OPEN, I RISULTATI DEL TABELLONE MASCHILE

US OPEN, I RISULTATI DEL TABELLONE FEMMINILE

In una seconda giornata degli US Open flagellata dalla pioggia che ha provocato il rinvio di gran parte dei match, il palcoscenico è stato in qualche modo del 19enne americano Frances Tiafoe. Nonostante la sconfitta. Perché questa è arrivata con il Re, Roger Federer, dopo 5 set in cui lo svizzero si trova spesso in difficoltà, e alterna momenti brillanti e altri decisamente opachi. King Roger, n. 3 del tabellone, ha perso il set iniziale, è parso poi prendere il controllo del match vincendo i due successivi, ma ha subito di nuovo un pesante 6-1 nel quarto set dal numero 70 del mondo, prima di chiudere al quinto. Finisce 4-6 6-2 6-1 1-6 6-4 dopo 157 minuti di gioco, per Federer è la vittoria numero 79 a Flushing Meadows: eguagliato André Agassi.

Sfoggiando la solita faccia tranquilla, Federer ha poi parlato così della partita. La schiena? "Ero un po’ preoccupato all’inizio, ho avuto una partenza lenta, ma poi mi sono sciolto. Mi sento estremamente bene. Soprattutto se penso che l’anno passato non riuscii a giocare qui a Flushing. E poi se stai in campo per cinque set e vinci, devi sentirti per forza bene". E poi aggiunge: "E comunque questo è stato più che un test: da partite di questo tipo ne esci con fiducia rafforzata". Chiude facendo i complimenti a Tiafoe che lo ha messo a dura prova: "Avrà sicuramente un grande futuro".

Nadal soffre e si risolleva

Missione compiuta anche per Rafa Nadal che supera il 1° turno con uno schiacciante 3-0 (7-6 (6) 6-2 6-2) su Lajovic. Lo spagnolo soffre nel primo set, è sul punto di perderlo, ma poi si risolleva e lo porta a casa al tie break. Vanno via in scioltezza invece i restanti due che proiettano il 15 volte vincitore di Slam al prossimo turno. Il primo set dura oltre un'ora ed è denso di emozioni. Dopo aver mantenuto il servizio nei primi rispettivi game, Lajovic alza il ritmo, risponde perfettamente e va a conquistare il primo break. Il serbo si carica emotivamente e comincia a bombardare il nuovo numero 1 del mondo che sembra spiazzato dalla veemenza dell'avversario. Quest'ultimo comincia a crederci, è attento e mai frenetico nei turni di battuta e porta il primo parziale sul 5-4. A questo punto è chiamato al servizio per il set, ma è qui che viene fuori l'orgoglio e l'esperienza del maiorchino che effettua un controbreak a zero, riequilibria il punteggio e va a chiudere il parziale al tie break. Le speranze di Lajovic si chiudono praticamente qui.

Nel secondo set Nadal cambia marcia e parte con un break che si trasforma, in pochissimi minuti, in un 3-0 parziale. Il 27enne di Belgrado ha una minima reazione che non basta tuttavia a scalfire le sicurezze dello spagnolo (ultima vittoria del torneo a Flushing Meadows nel 2013) che, con un ace, chiude il set sul 6-2. Stesso percorso segue anche il terzo e ultimo set, con Lajovic che cede subito il servizio. Il serbo ha la possibilità di rimettere in piedi il set nel quarto game, ma non sfrutta le tre palle break a disposizione e certifica la resa. Nadal chiude anche l'ultimo parziale sul 6-2 e conquista la qualificazione.

Rinviato per pioggia il derby italiano Fognini-Travaglia e gli altri match in programma oggi.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche