Insulti sessisti, Fognini squalificato per 2 Slam con la condizionale

Tennis
Fabio Fognini (Getty)

Il numero 1 italiano è stato multato di 96mila dollari e non potrà partecipare a due Slam (di cui uno dovrà essere lo US Open). La pena è però con la condizionale: infatti se non commetterà infrazioni fino al 2020 non dovrà scontare la squalifica e la multa verrà dimezzata

La decisione del Grand Slam Board era attesa da tempo e i giudici hanno stabilito la pena per il comportamento di Fabio Fognini agli US Open. Nell'ultima edizione dello slam americano il numero 1 italiano si è reso protagonista di un pessimo gesto quando ha insultato pesantemente la giudice di sedia Louise Engzell. Dopo il gesto irresponsabile sono arrivate le prime ripercussioni: una multa di 24mila dollari e la squalifica dagli US Open dove era ancora in corso in doppio. Ora arriva la decisione definitiva del Grand Slam Board, che riunisce i rappresentanti dei quattro tornei principali del panorama tennistico. Fognini è stato ritenuto responsabile di offese gravi e comportamento antisportivo e dovrà pagare un'ulteriore multa di 96mila; l'italiano dovrà saltare anche due tornei dello Slam (di cui uno dovrà essere obbligatoriamente lo US Open), ma la pena è con la condizionale: se Fabio si comporterà bene per i prossimi due anni e non commetterà quelle che il regolamento definisce come "Major Infractions", non dovrà scontare la squalifica e la sua multa verrà dimezzata. Come riportato nel comunicato ufficiale del Grand Slam Board, Fognini ha accettato la decisione e rinunciato a fare ricorso contro la squalifica; inoltre ha espresso rimorso per il suo comportamento e si è detto fiducioso sul fatto che riuscirà a esaudire le condizioni imposte dal Board per non rendere attiva la squalifica.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche