ATP Finals 2017: Federer vince contro Sock ma non convince. L'ANALISI

Tennis

Elena Pero

Lo svizzero vince all'esordio nelle ATP Finals ma il match contro Sock è stato tutt'altro che semplice, soprattutto nel secondo set. L'analisi di chi ha raccontato la partita in diretta su Sky Sport 2

La prima partita di round robin alle Atp Finals non è 'facile' come le altre. Per bene che ti vada ti tocca il numero 8/9 del mondo. Per quanto ti sia allenato, abbia provato campo e palle, la gara è tutta un'altra cosa. 

Roger Federer in 15 presenze al Masters si è fatto sorprendere all'esordio solo tre volte. Contro Jack Sock ha vinto in due set, ma il secondo parziale non è stato del tutto tranquillo.

Dopo un inizio facile, lo svizzero non ha nascosto la contrarietà man mano che la partita proseguiva. E non si è visto il solido tennis brillante e disinvolto cui ci siamo abituati nel 2017.

Perché? Federer ha segnalato che non sentiva bene la palla. Lo si è visto spesso titubante in risposta al servizio. La battuta di Sock è un colpo eccellente e Roger ha fatto fatica ha trovare il giusto ritmo.

Per di più le palle break arrivavano (anche per la discontinuità del suo avversario) e poi scivolavano via senza che lui riuscisse a fare la differenza. Troppo passivo. Federer avvertiva il pericolo. Senza aver concesso nulla al servizio, ma continuando a fallire palle break, rischiava di innescare due minuti di grazia di Sock nel tie break e poi trovarsi a giocare un terzo parziale.

Quindi una vittoria in due set è sicuramente il miglior risultato possibile nel formato a round robin, ma Federer passerà sicuramente il lunedì di pausa a lavorare con Ljubicic e Luthi per mettere a punto il suo tennis. Una sconfitta al Masters non è definitiva, ma, come dire, meglio non correre rischi e mettere in mani altrui il proprio destino.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche