user
09 gennaio 2018

Bartoli: "Il successo, il virus, il mio ex e ora non vedo l'ora di tornare in campo"

print-icon
com

Marion Bartoli in un'intervista a "L'Equipe" racconta il periodo infernale vissuto dopo il ritiro e il duro lavoro che le permetterà di tornare nuovamente in campo il prossimo 21 marzo a Miami

Dopo un calvario durato quasi quattro anni e mezzo Marion Bartoli, vincitrice a Wimbledon nel 2013, lo scorso 19 dicembre ha annunciato il suo ritorno alle competizioni ufficiali. Oggi in un'intervista a "L'Equipe" la tennista francese ha raccontato il tremendo periodo della malattia e i mesi di duro lavoro che sta affrontando per poter essere nuovamente protagonista in campo, a partire dal 21 marzo nel torneo di Miami.

Da Serena a Noah, quanto affetto

“Tra i messaggi  che ho ricevuto da quando ho annunciato il ritiro mi hanno fatto molto piacere quelli di Serena Williams e di Monica Seles, mio idolo d’infanzia che mi ha consigliato di prendermi il giusto tempo per tornare e di trovare il mio peso forma. Consigli che ho già seguito”. “Sono stato molto felice anche per l’incoraggiamento di Yannick Noah, che mi ha fatto i complimenti per essermi allenata duramente per tornare in campo e che mi darà una possibilità in Fed Cup se arriveranno i risultati”

Allenamenti duri e voglia di tornare

“La mia giornata standard al Centro Federale comincia alle 9 e finisce alle 21, è una vita che mi sta piacendo molto. Penso tutti gli sportivi di alto livello dovrebbero allenarsi in questo modo”. “Non c'è il rischio che io torni magra come prima. Ora sono convinta di non mettermi in pericolo tornando alle competizioni ufficiali, se avessi questa percezione mi fermerei”

Il mio ex...e la perdita di peso

"Quando mi sono ritirata ero molto felice, poi ho perso peso prima del virus a causa del mio ex che mi ha fatto vivere una vita infernale. Si è comportato davvero male. L'ho incontrato a maggio 2014 e ogni giorno mi diceva che ero grassa".

Le nuove sfide dopo il dramma

"Ho deciso di tornare in campo in un torneo come quello di Miami perché voglio provare a me stessa che sono viva. Voglio giocare partite importanti su campi importanti". "Sono stata vicina alla morte, ma ora voglio di nuovo assaporare la gioia di combattere contro le mie avversarie per tre ore e vincere una partita in tre set"

Voglio provare a me stesso che sono vivo. Se torno, è per provare a giocare grandi partite su grandi campi e sentire di nuovo quelle emozioni,
Voglio provare a me stesso che sono vivo. Se torno, è per provare a giocare grandi partite su grandi campi e sentire di nuovo quelle emozioni,

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

Italia, con l'Arabia Saudita la prima del nuovo CT

Solo infiammazione al ginocchio per Calhanoglu

Come si presenta il Milan all'incontro con l'UEFA

Vitor Hugo usa hashtag Juve, tifosi lo correggono

Caos Damato! E il designatore corre ai ripari

Vettel meglio di Hamilton, lo dicono i numeri

Lutto Popovich, la NBA si stringe attorno al coach

Joel Embiid tornerà in campo in gara-3?

Mondiali, arbitri e Var a lezione da Collina

Mondiale per Club, una rivoluzione firmata Boban

Cristiano Ronaldo? No, Simy. E il web si scatena

I PIU' VISTI DI OGGI
I più visti di oggi