Tennis, Wimbledon si evolve? "Pensiamo all'erba sintetica"

Tennis
wimbledon

Clamorosa apertura arrivata da un membro del comitato del torneo: Wimbledon pensa a installare una percentuale di erba sintetica come viene già fatto in altri sport come calcio e rugby

SU SKY IL TORNEO DI WIMBLEDON IN ESCLUSIVA FINO AL 2022

L'evoluzione tecnologica arriva anche a Wimbledon? Non parliamo dell'occhio di falco o di qualche innovazione moviolistica, ma di un upgrade nella struttura... dell'erba. Questo ermerge dalle dichiarazioni di un ex tennista, Tim Henman, ora membro del comitato organizzativo del torneo più suggestivo e di tradizione al mondo. L'Open di Inghilterra apre all'erba sintetica? Blasfemia per qualcuno, semplice evoluzione per altri, sta di fatto che non si parla di un campo al cento per cento artificiale, ma semplicemente di integrare l'erba naturale con una minima percentuale di quella sintetica, che possa permettere uno sfruttamento migliore di tutti i campi.

Le parole di Henman

I vertici dell’lAll England Lawn Tennis and Croquet Club, che gestisce i campi in erba del famoso torneo londinese, nella persona di Tim Henman, hanno espresso il loro pensiero in un'intervista al Daily Mail: "In un mondo ideale, sarebbe bello avere subito quattro partite sul Campo Centrale e sul Campo 1. Le persone però non considerano che si tratta di una superficie naturale, è erba. Il campo deve reggere per 13 giorni e se la uccidi in cinque giorni, poi hai problemi. Wimbledon sta investendo molti soldi guardando ad una soluzione ibrida. I campi da calcio e da rugby hanno una percentuale del 3% di erba artificiale. Stiamo certamente guardando in quella direzione, considerando cosa vorrebbe dire avere un campo da tennis con il 5%, come potrebbe essere avendo il 10%. Se si torna indietro di qualche generazione, c’erano campi in erba in America, in Australia, in India. Molti di questi però sono morti a causa della manutenzione, del costo, della qualità dei campi. Se il discorso dell’erba artificiale può evolvere, potrebbe essere rilevante per Wimbledon. Ci stiamo avvicinando al momento in cui trasformeremo uno dei campi di allenamento in un campo in erba ibrida”, ha detto Henman. Sappiamo cosa significa un campo in erba artificiale al 100% e non è eccezionale, ma guardiamo a 3, a 5 o al 10%. Che impatto avrà sul movimento, quali saranno le sensazioni, pensiamo a queste cose. Non c’è niente di meglio di un buon campo in erba, ma non c’è niente di peggio di un pessimo campo in erba. Le persone hanno un’immagine delle superfici artificiali per cui se cadi hai delle bruciature, ma se funziona nel rugby…”. Secondo il Daily Mail, sono necessarie circa 51 milioni di piante erbacee per mantenere i campi, che vengono utilizzati solamente durante il torneo di Wimbledon per 13 giorni l’anno.

“Se si torna indietro di qualche generazione, c’erano campi in erba in America, in Australia, in India. Molti di questi però sono morti a causa della manutenzione, del costo, della qualità dei campi. Se il discorso dell’erba artificiale può evolvere, potrebbe essere rilevante per Wimbledon”.Rivoluzione in vista per Wimbledon. I vertici dell’lAll England Lawn Tennis and Croquet Club, che gestisce i campi in erba del famoso torneo londinese, stanno infatti pensando all’erba sintetica per risolvere l’annoso problema del terreno.

“In un mondo ideale, sarebbe bello avere subito quattro partite sul Campo Centrale e sul Campo 1 – ha dichiarato Tim Henman, ex tennista ora membro del comitato del torneo, al Daily Mail -. Le persone però non considerano che si tratta di una superficie naturale, è erba. Il campo deve reggere per 13 giorni e se la uccidi in cinque giorni, poi hai problemi”.

Rivoluzione in vista per Wimbledon. I vertici dell’lAll England Lawn Tennis and Croquet Club, che gestisce i campi in erba del famoso torneo londinese, stanno infatti pensando all’erba sintetica per risolvere l’annoso problema del terreno.

“In un mondo ideale, sarebbe bello avere subito quattro partite sul Campo Centrale e sul Campo 1 – ha dichiarato Tim Henman, ex tennista ora membro del comitato del torneo, al Daily Mail -. Le persone però non considerano che si tratta di una superficie naturale, è erba. Il campo deve reggere per 13 giorni e se la uccidi in cinque giorni, poi hai problemi”.

Rivoluzione in vista per Wimbledon. I vertici dell’lAll England Lawn Tennis and Croquet Club, che gestisce i campi in erba del famoso torneo londinese, stanno infatti pensando all’erba sintetica per risolvere l’annoso problema del terreno.

“In un mondo ideale, sarebbe bello avere subito quattro partite sul Campo Centrale e sul Campo 1 – ha dichiarato Tim Henman, ex tennista ora membro del comitato del torneo, al Daily Mail -. Le persone però non considerano che si tratta di una superficie naturale, è erba. Il campo deve reggere per 13 giorni e se la uccidi in cinque giorni, poi hai problemi”.

Rivoluzione in vista per Wimbledon. I vertici dell’lAll England Lawn Tennis and Croquet Club, che gestisce i campi in erba del famoso torneo londinese, stanno infatti pensando all’erba sintetica per risolvere l’annoso problema del terreno.

“In un mondo ideale, sarebbe bello avere subito quattro partite sul Campo Centrale e sul Campo 1 – ha dichiarato Tim Henman, ex tennista ora membro del comitato del torneo, al Daily Mail -. Le persone però non considerano che si tratta di una superficie naturale, è erba. Il campo deve reggere per 13 giorni e se la uccidi in cinque giorni, poi hai problemi”.

Rivoluzione in vista per Wimbledon. I vertici dell’lAll England Lawn Tennis and Croquet Club, che gestisce i campi in erba del famoso torneo londinese, stanno infatti pensando all’erba sintetica per risolvere l’annoso problema del terreno.

“In un mondo ideale, sarebbe bello avere subito quattro partite sul Campo Centrale e sul Campo 1 – ha dichiarato Tim Henman, ex tennista ora membro del comitato del torneo, al Daily Mail -. Le persone però non considerano che si tratta di una superficie naturale, è erba. Il campo deve reggere per 13 giorni e se la uccidi in cinque giorni, poi hai problemi”.

Rivoluzione in vista per Wimbledon. I vertici dell’lAll England Lawn Tennis and Croquet Club, che gestisce i campi in erba del famoso torneo londinese, stanno infatti pensando all’erba sintetica per risolvere l’annoso problema del terreno.

“In un mondo ideale, sarebbe bello avere subito quattro partite sul Campo Centrale e sul Campo 1 – ha dichiarato Tim Henman, ex tennista ora membro del comitato del torneo, al Daily Mail -. Le persone però non considerano che si tratta di una superficie naturale, è erba. Il campo deve reggere per 13 giorni e se la uccidi in cinque giorni, poi hai problemi”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche