ATP Budapest: trionfa Berrettini, battuto in finale Krajinovic 4-6, 6-3, 6-1

Tennis

Prosegue il momento magico del tennis azzurro: a una settimana dal successo di Fognini a Montecarlo, Matteo Berrettini batte in rimonta il serbo Filip Krajinovic e centra il secondo titolo ATP della carriera dopo quello di Gstaad 2018. Da lunedì sarà n° 37 del mondo

BUDAPEST, IL TABELLONE COMPLETO

ATP MONACO SU SKY, IL CALENDARIO

L'Italia del tennis non si sveglia dal sogno: una settimana dopo lo storico trionfo al Masters di Montecarlo di Fabio Fognini e l'assegnazione delle ATP Finals a Torino, è arrivato il successo di Matteo Berrettini all'Hungarian Open, torneo ATP 250 che si è concluso sulla terra rossa di Budapest, in Ungheria. Il 23enne romano, numero 55 del ranking mondiale (ma grazie a questo successo ritoccherà il proprio best ranking entrando nei top 40, al 37° posto per l'esattezza) ha battuto in rimonta 4-6, 6-3, 6-1 in un'ora e 41' di gioco serbo, Filip Krajinovic, numero 105 Atp, proveniente dalle qualificazioni. Per Berrettini si tratta del secondo trofeo ATP dopo quello centrato a Gstaad 2018, sempre sul rosso. Sulla terra sono arrivati anche gli altri due trionfi in questo 2019 degli azzurri, con Marco Cecchinato a Buenos Aires e con Fabio Fognini a Montecarlo. 

Berrettini-Krajinovic, la cronaca

Primo set che viaggia sul filo dell'equilibrio fino al nono game, quando improvvisamente si spegne la luce per Berrettini, che cede il servizio: basta quel break a Krajinovic per portare a casa il parziale per 6-4 in 35' di gioco. Nel secondo set l'azzurro però non si perde d'animo e continua a giocare il suo tennis, piazzando il break che risulta decisivo nel sesto gioco, quando al terzo tentativo strappa finalmente il servizio al rivale. Il 6-3 in 39' riporta tutto in parità. Sull'onda dell'entusiasmo, Berrettini centra un altro break nel gioco di apertura del terzo set, lo bissa nel quinto game e chiude al primo match point con un netto 6-1 che gli permette di centrare il secondo titolo ATP della sua giovanissima carriera, succedendo nell'albo d'oro a un altro italiano, Marco Cecchinato.  

Berrettini: "Vittoria che dedico a mio padre"

”Sono molto felice per questo successo. Faccio i complimenti al mio avversario perché io so quanto sia difficile rientrare dopo un infortunio. Sono davvero soddisfatto perché non ero arrivato qui con grandi ambizioni: voglio ringraziare l mio coach Vincenzo Santopadre, mio fratello Jacopo e tutti quelli che mi hanno supportato in questa settimana. Dedico questa vittoria a mio padre - ha detto Berrettini durante il discorso di premiazione -. L’anno scorso qui mi sono storto una caviglia, stavolta è andata decisamente meglio”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche