Chi è Andrea Basso, dalle prequalificazioni a un posto nel main draw degli Internazionali

Tennis

Non ha mai giocato un match nel circuito ATP ed è 419esimo al mondo, ma ha battuto in rimonta Jannik Sinner (7-6, 4-6, 3-6) guadagnandosi uno storico posto nel tabellone principale degli Internazionali di Roma

MADRID: TUTTI I RISULTATI

GUIDA TV: MADRID SU SKY

Andrea Basso è arrivato a Roma "senza aspettative” e domenica giocherà il suo primo Master 1000. Il suo primo match nel circuito ATP dopo stagioni di Challenger e ITF: “Per fortuna ho ascoltato il mio allenatore”. Diego Nargiso, quello con cui ogni tanto parla di calcio, tra un dritto potente e un passante lungolinea: “Io tifo Samp, lui Napoli, ma è troppo tifoso!”. Anche testardo: è lui che l'ha convinto a giocare le prequalificazioni. 

Sinner battuto in 3 set

Andrea sorride, apre gli occhi durante il suo turno di battuta e vede il suo coach incappucciato, sotto una pioggia leggera che batte sul Pietrangeli. Basta un'occhiata. Deve recuperare un set a Jannik Sinner, Next Gen del nostro tennis e promessa del circuito, è reduce da un match di quasi 3 ore ma il suo gioco è aggressivo, sta spingendo con dritti potenti e contropiedi . Vince il primo set al tie break, poi la storia cambia.

Andrea rimonta e capisce di aver lavorato bene sui punti deboli: “Avevo un gran bisogno di giocare, è stato un anno di alti e bassi, ma ho spinto di più su ciò che mi mancava”. La forza mentale, conquistata nei set successivi contro Sinner, battuto 7-6(3), 4-6, 3-6 (l'altoatesino dovrebbe accedere comunque al main draw grazie a una wild card)

Il percorso di Andrea Basso

Andrea sorride e non ci crede: “Ero titubante, non ero neanche sicuro di giocare”. Invece sì godrà una gara storica sotto lo sguardo della fidanzata e dei genitori, dopo un’impresa nata per caso: Andrea vince il torneo Open al Green Park di Rivoli, la stessa squadra di Lorenzo Sonego, e arriva a Roma senza aspettative. Da 419esimo al mondo. 

Batte Trusendi al terzo turno, Brancaccio nei quarti e il suo amico Jacopo Berettini in semifinale, sotto gli occhi del fratello Matteo reduce da due finali di fila,: “È stata dura, ma alla fine sono qui”. Al Pietrangeli si sfidano Sinner e Musetti, Andrea conquista la finale al campo 1 ma vola subito a riposare, non si guarda neanche un game. Li conosce bene.

Tifa Samp, si ispira ad Agassi

Il dritto finale è un inno a chi ce l’ha fatta pur mantenendo un low profile. Quando gli chiedono chi preferisce tra McEnroe e Borg sceglie lo svedese“Sono tranquillo come lui”. Roger Federer è il suo punto di riferimento, ma si è sempre ispirato ad Andre Agassi, con un occhio fisso alla sua Samp: “Sono cresciuto con Flachi e Bazzani, Cassano e Pazzini, da ragazzino andavo sempre al Ferraris con i miei, ora vado ogni tanto con la fidanzata”.

Cuore blucerchiato, tennista grazie a papà, l'ex maestro che l’ha instradato quando aveva 4 anni. Ha provato il nuoto, il calcio e alla fine ha scelto il tennis. Una strada giusta, piena di sacrifici, e oggi ripagata con il main draw degli Internazionali di Roma. Merito di un allenatore testard e di una forza mentale finalmente ritrovata, dopo un po' di pioggia. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche