ATP Melbourne, Sinner vince il "derby d'Italia": Travaglia battuto in finale 7-6, 6-4

ATP MELBOURNE

Alfredo Corallo

©Getty

Jannik Sinner ha sconfitto 7-6, 6-4 Stefano Travaglia in una finale tutta italiana (la settima della storia) aggiudicandosi sul cemento di Melbourne Park la prima edizione del "Great Ocean Road Open". Per il 19enne altoatesino è il secondo titolo in carriera dopo il successo nel torneo Atp 250 di Sofia, il 69° nell'albo d'oro del tennis azzurro

ATP CUP: RUSSIA-ITALIA 2-0, FOGNINI E BERRETTINI KO

Se è stato un derby "folle", avvincente, il merito è stato soprattutto di Stefano Travaglia, ascolano, classe 1991, che ha tenuto testa per buona parte del match al fenomenale Jannik Sinner. L'altoatesino s'impone 7-6, 6-4 in poco più di due ore sul cemento di Melbourne vincendo il suo secondo titolo Atp in meno di 3 mesi e nella prima edizione del "Great Ocean Road Open" riscrive la storia con questa settima finale tutta italiana, timbrando il suo nome anche sul 69° sigillo dell'albo d'oro italico a 33 anni di distanza dall'ultimo trionfo azzurro. Erano entrambi provati, reduci dalle fatiche in semifinale: il 19enne di Sesto Pusteria (n.36 del mondo) aveva battuto in oltre tre ore di gioco 7-6, 4-6, 7-6 il russo Karen Khachanov; sabato era stata invece una giornata indimenticabile per Travaglia, che non si era mai spinto così in alto: il 29enne di Ascoli Piceno aveva liquidato 6-3, 6-4 il brasiliano Thiago Monteiro con una prestazione super. Per "Steto" arriverà comunque il best ranking: dalla prossima settimana dovrebbe salire dal 71° al 60° posto. "Promozione" in vista anche per il talento guidato da Riccardo Piatti, virtualmente alla 32^posizione della classifica ATP, che non avrà nemmeno il tempo di festeggiare: lunedì sfiderà il canadese Shapovalov nel 1° turno degli Australian Open e per eliminare il n. 11 del seeding servirà un'altra impresa.

 

La partita

Il primo set si gioca tutto sul filo del rasoio: dopo un sostanziale equilibrio (Sinner debutta a zero come a Sofia e alle Next Gen Finals 2019, Travaglia risponde agile con servizio e diritto), l'ascolano strappa il primo break e si conferma nel quarto, portandosi sul 3-1. Il bolzanino non appare nelle migliori condizioni, ma trova subito la forza di reagire e si affida al rovescio per piazzare il controbreak: 3-3. La partita torna in bilico - tanti errori da una parte e dall'altra - e il tie-break è inevitabile: Jannik allunga sul 6-3 e al secondo dei quattro set-point chiude il parziale 7-4. Il secondo set riparte sulla falsariga del precedente: doppio fallo di Travaglia in avvio e rovescio in accelerazione sul nastro che regala il break all'avversario, compensato dall'immediato 1-1. Ma è un match che più pazzo non si può. Il marchigiano consegna nuovamente il servizio a Sinner e spreca clamorosamente quattro palle break, ma si rifà immediatamente: 3-3 e sorpasso, e l'enorme rammarico di aver buttato al vento la palla del possibile 5-3 nel lunghissimo ottavo gioco. Si rivelerà, infatti, la sua ultima chance di sovvertire il destino dell'incontro: Sinner firma ancora un controbreak e confeziona il bis. "Sono felicissimo - esulta Jannik dal suo account Instagram - e complimenti al mio connazionale per un grande torneo. Forza Italia".

Jannik Sinner e Stefano Travaglia protagonisti del "derby" azzurro a Melbourne
Jannik Sinner e Stefano Travaglia protagonisti del "derby" azzurro a Melbourne - ©Getty

Da Senigallia a Melbourne: le finali maschili tutte italiane nell'era Open

Grazie al successo di novembre contro Pospisil a Sofia, Sinner - che si è allenato con Rafa Nadal per prepararsi al tour de force australiano - era diventato a 19 anni e 3 mesi il più giovane tennista italiano a vincere un titolo Atp: meglio - in relazione all'età - di Connors, Federer, McEnroe, Lendl e del "pioniere" Adriano Panatta, trionfatore al Pepsi-Cola Grand Prix di Senigallia. Quell'estate di (quasi) mezzo secolo segnerà per sempre la storia del tennis italiano: l'8 agosto del 1971 il futuro campione del Roland Garros conquista il "Trofeo d'Argento" sui campi del Ponterosso - a due passi dalla celebre "Rotonda a mare", magnificata dalla canzone di Fred Bongusto - diventando il primo azzurro a svettare nell'Era Open. L'allora 21enne romano - fresco di "scudetto" agli Assoluti di Bologna nel '70, strappato dal petto di "sua maestà" Nicola Pietrangeli - supera 6-3, 7-5, 6-1 l'italo-australiano Martin "Martino" Mulligan nella primissima finale del romanzo Tricolore, portandosi a casa la "bellezza" - per l'epoca - di un milione (di lire). Da lì altre 5 finali prima dell'Era Sinner, la penultima nel 1988, a Firenze, dove Massimiliano Narducci prevale su Claudio Panatta, fratello di Adriano. Fratelli d'Italia.

 

Senigallia 1971: A.Panatta b. Mulligan   6-3 7-5 6-1

Firenze 1974: A.Panatta b. Bertolucci   6-3 6-1

Bastad 1976: Zugarelli b. Barazzutti     4-6 7-5 6-2

Cairo 1980: Barazzutti b. Bertolucci     6-4 6-0

Bari 1987: Pistolesi b. Cancellotti          6-7 7-5 6-3

Firenze 1988: Narducci b. C.Panatta     3-6 6-1 6-4

Melbourne 2021: Sinner b. Travaglia     7-6 6-4

I 69 titoli Atp nella storia del tennis azzurro

 

1971 – A. Panatta (Senigallia)

1973 – A. Panatta (Bournemouth)

1974 – A. Panatta (Firenze)

1975 – A. Panatta (Kitzbuhel, Stoccolma), Bertolucci (Firenze)

1976 – Bertolucci (Barcellona, Firenze), A. Panatta (Roma, Roland Garros), Zugarelli (Bastad), Barazzutti (Nizza)

1977 – Barazzutti (Bastad, Parigi indoor, Charlotte), Bertolucci (Firenze, Amburgo, Berlino), A. Panatta (Houston)

1978 – A. Panatta (Tokyo)

1980 – A. Panatta (Firenze), Barazzutti (Cairo)

1981 – Ocleppo (Linz)

1984 – Cancellotti (Firenze, Palermo)

1985 – C. Panatta (Bari)

1986 – Canè (Bordeaux), Colombo (S. Vincent)

1987 – Pistolesi (Bari)

1988 – Narducci (Firenze)

1989 – Canè (Bastad)

1991 – Camporese (Rotterdam), Canè (Bologna), Pozzi (Brisbane)

1992 – Camporese (Milano), Pescosolido (Scottsdale)

1993 – Pescosolido (Tel Aviv)

1994 – Furlan (San Jose, Casablanca)

1998 – Gaudenzi (Casablanca)

2001 – Gaudenzi (St. Polten, Bastad)

2002 – Sanguinetti (Milano, Delray Beach)

2004 – Volandri (St. Polten)

2006 – Bracciali (Casablanca), Volandri (Palermo)

2011 – Seppi (Eastbourne)

2012 – Seppi (Belgrado, Mosca)

2013 – Fognini (Amburgo, Stoccarda)

2014 – Fognini (Vina del Mar)

2016 – Lorenzi (Kitzbuhel), Fognini (Umago)

2017 – Fognini (Gstaad)

2018 – Fognini (San Paolo, Bastad, Los Cabos), Cecchinato (Budapest, Umago), Berrettini (Gstaad)

2019 – Cecchinato (Buenos Aires), Fognini (Montecarlo), Berrettini (Budapest, Stoccarda), Sonego (Antalya)

2020 – Sinner (Sofia)

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.