Caricamento in corso...
13 maggio 2017

Formula 1, GP Spagna: pole position Hamilton

print-icon
ham

Lewis Hamilton è il poleman del GP di Spagna (Foto Getty)

Al britannico la pole per il GP di Spagna (64^ in carriera per lui): 1:19.149. Nel finale Vettel scatta e si prende con la Ferrari la prima fila con il secondo tempo in 1:19.200. Poi Bottas e Raikkonen. Terza fila Red Bull. Il GP di Spagna in diretta esclusiva su Sky Sport F1 HD (canale 207)

CLICCA QUI PER LA DIRETTA LIVE DEL GP

LA GRIGLIA DI PARTENZA DEL GP DI SPAGNA

I TEMPI E LE CLASSIFICHE 

Lewis Hamilton ha conquistato la pole position per il Gran Premio di Spagna, quinto appuntamento del Mondiale di Formula 1. Già dominatore delle libere del venerdì, il britannico ha centrato il miglior tempo in 1:19.149, che è anche il record della pista e 64^ pole della carriera. In prima fila la Ferrari con Sebastian Vettel, leader della classifica. Con un grande scatto nel finale, il tedesco ha spinto la sua Rossa al massimo fino a centrare il secondo posto in 1:19.200. Si tratta di un risultato notevole visto che nelle terze libere problemi alla SF70 H avevano costretto a cambiare in tempi record (poco più di due ore) il motore. Proprio nelle P3 le Rosse si erano messe in luce con il primo tempo di Raikkonen davanti a Seb. Tornado alle qualifiche, a Montmelo' anche la seconda fila vede l'alternanza Mercedes-Ferrari: terzo crono per Valterri Bottas (in mattinata sostituita la sua Power Unit) e poi Kimi Raikkonen. Nella griglia di partenza, quinto Verstappen e sesto Ricciardo. Un vero leone Fernando Alonso, che ottiene il settimo posto al via con la McLaren dopo i tanti problemi riscontrati al propulsore Honda. Ottava posizione per la Force India di Perez davanti alla Williams di Massa ed all'altra Force di Ocon.

Il punto sul Q2

Alonso in extremis entra nella top 10 del Q2 e quindi evita l'esclusione. Prova super dello spagnolo e una soddisfazione niente male dopo i tanti problemi con il motore Honda. Qualificazione accolta dal team con un'esultanza degna di una vittoria. Nel Q2 sono poi stati eliminati Magnussen, Sainz, Hulkenberg, Grosjean e Wherlein.  

Il punto sul Q1

E' questa la fase in cui Vettel ha affrontato la pista con il nuovo motore. In un iniziale team radio ha ringraziato il team, ma poco dopo è stato richiamato ai box. Il tedesco però non rientra e fa un tempo che gli consente di qualificarsi, con qualche rischio (giusto) per il Q2. "Promossi" alla fase successiva, nell'ordine, Hamilton, Raikkonen, Vettel, Bottas, Verstappen, Ricciardo, Grosjean, Ocon, Sainz, Magnussen, Perez, Alonso, Hulkenberg, Massa e Wherlen.

La terza sessione di libere

Come detto, è stata un P3 all'insegna delle Rosse. Raikkonen ha centrato due ottimi crono attorno all'1:20 fino a quello che gli ha permesso di chiudere in testa la sessione. Bene Vettel, almeno per 40 minuti, fino a quando qualche problema rilevato dalla telemetria non lo ha costretto a rientrare ai box per ben due volte.

Il circuito

La pista di Montmeló è da sempre considerata una vera e propria galleria del vento a grandezza naturale e, solitamente, chi è veloce qui lo è anche su molti altri tracciati del Mondiale. I tre settori che compongo il circuito hanno caratteristiche completamente diverse uno dall'altro. Il settore 1 è caratterizzato da un lungo rettilineo, una esse e una piega a destra molto veloce che si percorre in pieno (qualifica). Per essere competitivi le vetture devono avere un’ottima velocità di punta ed un elevato carico aerodinamico; il settore 2 è composto da due pieghe a 180°, una curva da terza marcia verso sinistra in leggera salita e una curva abbastanza veloce verso destra che si percorre in pieno a circa 240 km/h. Fondamentale avere tanto carico aerodinamico e buon grip meccanico per uscire veloce da curva cinque. Il settore 3, infine, è contraddistinto da sei pieghe abbastanza lente e una curva veloce verso destra che porta i piloti sul rettilineo principale. In questo settore è richiesto un ottimo grip meccanico, dato che le curve sono tutte abbastanza lente, e un'ottima trazione.

Le gomme

Le mescole scelte da Pirelli sono analoghe a quelle della stagione 2016. La Soft sarà la gomma da qualifica con Medium e Hard gli altri due compound utilizzabili in gara. La scelta del numero di set dei vari compound è stata fatta interamente da Pirelli: tutti i team avranno a disposizione due set di Hard, quattro di Medium e ben sette di Soft. Pressioni minime alla partenza: 22,5 psi anteriore e 20 psi posteriore.

Tutti i siti Sky