Jacobs: "Ora i Mondiali, non mi pongo limiti". VIDEO

Atletica

Il campione olimpico dei 100 metri e della staffetta 4x100: "Voglio fare bene a Mondiali ed europei per presentarmi al meglio alle prossime Olimpiadi. Quando sono partito per Tokyo nella mia testa c'era già la medaglia, ma non lo dicevo a nessuno per non farmi prendere per matto"

IL 2021 MAGICO DELL'ITALIA - JACOBS, LA FESTA AL RIENTRO DA TOKYO

Oro a Tokyo nei 100 metri e nella staffetta 4×100, Marcell Jacobs non vuole più fermarsi: "Le due medaglie d'oro le ho sempre sognate da bambino, ma adesso non mi pongo più limiti. Non era la prima volta che potevo scendere sotto i 10, ora andrò a lavorare per togliere centesimi importanti, perché è un tempo fatto senza vento. Bisogna anche essere fortunati", le sue prime parole alla celebrazione degli atleti delle Fiamme Oro al salone d'onore del Coni. Jacobs guarda già ai prossimi obiettivi: "Voglio fare bene a Mondiali ed europei per presentarmi al meglio alle prossime Olimpiadi, a Parigi. Non ho ancora realizzato quello che ho fatto: la sensazione è di aver vinto una gara importante e non un'Olimpiade . Questo è positivo, perché così mi posso concentrare già sui prossimi traguardi da raggiungere".

"A Tokyo con in testa una medaglia" 

L'intervista

Jacobs: "Ci proverò fino ai Giochi di Los Angeles"

Il piano di Tokyo era chiaro: "Sono andato alle Olimpiadi per essere protagonista, non mi sarei accontentato solo di una finale. Nella mia testa c'era già la medaglia, ma non lo dicevo a nessuno per non farmi prendere per matto. Al ritorno ero un po' preoccupato per querlo che mi aspettava in Italia, ma alla fine è stato tutto molto bello ed emozionante".

Malagò: "Portabandiera 2024 può uscire da qui"

Le parole di Giovanni Malagò, presidente del Coni: "Ho il vago sospetto che nel 2024 a Parigi il portabandiera uscirà da questa sala. Umberto Giannini (Capo della Polizia) deve essere orgoglioso per quello che è stato raggiunto a Tokyo, tra l'altro con Valentina Vezzali che si è ritirata, sennò sarebbero arrivate anche altre medaglie...".

Pancalli: "Grande riconoscenza verso le Fiamme Oro"

Intervenuto anche il presidente del Comitato italiano paralimpico, Luca Pancalli: "Voglio esprimere il mio sentimento di riconoscenza da cittadino per quello che fa la polizia e da uomo di sport per quello che le Fiamme Oro stanno facendo per accompagnare la nostra famiglia paralimpica. Dobbiamo tanto ad Antonio Manganelli, che è stato Capo della Polizia di Stato, al quale nel 2007 prospettai l'idea di aprire le Fiamme Oro ai paralimpici. E lui condivise immediatamente l'idea. E ora Lamberto Giannini sta portando avanti questa impresa. Per questo vi ringrazio, perché non è un percorso semplice e nemmeno scontato. Siamo arrivati a un risultato straordinario. Questi sono risultati che fanno cambiare il Paese".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche