Basket: vincono Cremona, Milano e Venezia. Un terzetto al comando

Basket
olimpia_milano_lp

Dopo la 2^ giornata di campionato iniziano a delinearsi le forze della serie A di basket. Partita combattuta a Cremona con la Vanoli che si impone su Avellino 94-88. A Bologna l'Olimpia vince il suo 100° derby d'Italia 88-79 sulla Virtus. L'Umana "passeggia" a Pistoia liquidando la pratica con un netto 97-69

NELL'ANTICIPO: SASSARI BATTE VARESE

MORTO BAUMANN, SEGRETARIO DELLA FIBA

I RISULTATI

LA CLASSIFICA

Vanoli Cremona-Sidigas Avellino 94-88

Cremona a punteggio pieno con Milano e Venezia dopo la seconda giornata di serie A. Dopo Trento (finalista la scorsa stagione), la squadra allenata da coach Sacchetti, Ct part-time della nazionale, ha battuto anche Avellino, alla prima sconfitta in campionato: 94 a 88. Trascinata nel finale da 5 punti consecutivi del centro Giampaolo Ricci, la Vanoli ha recuperato dal -9 e ha chiuso avanti di quattro. Sei in doppia cifra per Cremona: 23 punti di Crawford, 14 per Aldridge e Saunders (7 rimbalzi), 13 per Ricci e Mathiang (più 9 rimbalzi), 11 di Per Avellino: 23 punti di Caleb Green, 17 di Sykes (e 5 assist), 11 di Costello (più 6 rimbalzi) e 10 di Cole.

Segafredo Virtus Bologna-A|X Armani Exchange Milano 79-88

A Bologna Milano ha vinto il suo 100esimo "derby d'Italia": 88 a 79 sulla Virtus. Meglio Bologna in avvio e primo tempo equilibrato con Milano che grazie soprattutto al tiro da tre (48% per la squadra di coach Pianigiani contro il 29% di quella allenata da Sacripanti) arriva all'intervallo sotto di 5 (36 a 31). Nel terzo quarto ancora avanti Bologna poi con un parziale di 15-4 Milano chiude avanti di cinque (69-64). Nell'ultimo periodo, troppi errori della Virtus fano scappar via l'Olimpia fino all'88-79 finale. Per Milano: 26 punti per James con 11/18 al tiro, 18 di Nedovic e 14 di Gudaitis con anche 11 rimbalzi. Per Bologna: 14 punti di Punter, poco preciso al tiro (5/13), e 18 di Qvale più 12 rimbalzi. L'Olimpia è prima a punteggio pieno (2 vittorie su due) con venezia e Cremona. Prima sconfitta per Bologna.

Happy Casa Brindisi-VL Pesaro 88-73

Brindisi vince al termine della prima gara casalinga che segue alla sconfitta subita a Milano: si impone su 88-73 su Pesaro. Si inizia subito a ritmi sostenuti. Pesaro cerca di prendere il largo. Al 4'. Gli ospiti relizzano un parziale di 6-0 che (12-6). Ma Brindisi, con Wojciechoskwi e Chappel, blocca subito i marchigiani (16-16 al 18'). Il tempo finisce 20-22. Ancora in difficoltà ad inizio del secondo quarto Brindisi tenta troppo spesso il tiro da tre, senza riuscire a organizzare azioni efficaci. Tuttavia al 13', la New Basket è di nuovo in vantaggio (27-24). Vitucci fa rifiatare Banks e al 18', Brindisi si porta a più 9 (38-29). Una tripla a fine parziale segna il massimo vantaggio dei padroni di casa (42-32). Il gap diventa di 14 punti (51-27 al 23'), poi di 16 punti (53-37 al 25'). Il terzo quarto termina 64-50. Nel quarto quarto il tentativo di Pesaro di rimettersi in gara. Recupera nove punti, (72-63 al 36'), ma non riesce a scalfire la supremazia di Brindisi che porta a casa la prima vittoria stagionale.

Oriora Pistoia-Umana Reyer Venezia 69-97

Dopo la sconfitta all'esordio a Pesaro, Orioria Pistoia cede nettamente nella prima partita in casa alla Reyer Venezia 69-97. La formazione toscana ha disputato una gara d'orgoglio, ma Reyer ha imposto la qualita' dei suoi singoli giocatori e la compattezza di una squadra da anni ai massimi livelli in Italia e in Europa. La squadra di coach Ramagli ha tenuto testa finche' ha potuto a una formazione blasonata che gioca a memoria. Stone apre con un tiro da tre e, con il canestro di Auda, Venezia in tre minuti si porta sul 2-7. Krubally e Bolpin tengono i padroni di casa in partita ma gli otto punti di Cerella e Vidmar determinano il 15-21 del primo quarto. Nel secondo quarto Venezia resta sempre avanti grazie alla precisione al tiro di Bramos, De Nicolao e Tonut. Pistoia, in difficolta', cerca di reagire, ma e' Daye per gli ospiti a fare la differenza. Il canestro di Johnson nel finale di tempo riduce il passivo e fissa il punteggio su 32-43 (17-22). Alla ripresa è ancora Venezia a condurre il gioco con le schiacciate di Vidmar e Watt, ed è ancora Daye ad allungare sul 34-51. A guidare la rimonta dei padroni di casa e' ancora Krubally, che con Johnson riduce il passivo a 48-65 (16-22). Ma e' nell'ultimo tempo che Venezia prende il largo: incontenibile Giuri che con 5 su 6 da tre punti determina il pesante parziale e il definitivo 69-97 (21-32).

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.