Pogba abbraccia Bryan, il baby della Juventus che ha sconfitto il cancro

Calcio

A tre anni dalla diagnosi di un cancro, Bryan Dodien è tornato a giocare in amichevole con l'Under 15 della Juventus. Il centrocampista francese del Manchester United gli è stato accanto dai tempi di Torino: "Orgoglioso di te, spero di vederti presto"

GUINEA, LA MADRE DI POGBA NOMINATA AMBASCIATRICE DEL CALCIO FEMMINILE

POGBA, FASCIA PER KOULIBALY: "NO AL RAZZISMO"

CALCIOMERCATO JUVENTUS, PIU' DIFFICILE IL RITORNO DI POGBA

Ha vinto la partita più complicata, riuscendo a tornare in campo dopo aver sconfitto un tumore al termine di una lotta durata tre anni: il piccolo Bryan, calciatore di origini ivoriane dell'Under 15 della Juventus, lo ha fatto con un tifoso speciale sempre pronto a sostenerlo, il centrocampista del Manchester United Paul Pogba. Merito di un legame nato in Italia, ai tempi in cui il calciatore francese vestiva la maglia bianconera, e coltivato anche dopo il trasferimento di Pogba in Premier League.

Bryan, la gioia di Pogba per il ritorno in campo: "Una benedizione"

La nuova vita calcistica di Bryan Dodien, 15 anni da compiere il prossimo 30 gennaio e l'ultimo triennio diviso tra ospedali e casa con nonna Silvayne sempre al suo fianco, ha avuto inizio nell'amichevole giocata contro i pari età del Bologna. Dieci minuti in campo, nel finale, per inseguire qualche pallone e riprovare l'ebbrezza di calpestare l'erbetta. Lieto fine di un percorso passato per il ritorno in rosa nello scorso novembre, quando la malattia era stata trasformata in un brutto ricordo. Il modo migliore per festeggiare? Il più semplice. Due scatti negli spogliatoi: nel primo Bryan compare sorridente accanto ai suo compagni, con un "grazie" che campeggia sullo sfondo. Nel secondo ecco la sua maglia bianconera, con il numero 18 sulle spalle, difesa come una reliquia. "Dopo tre anni di lotta sono tornato in campo" spiega il piccolo protagonista di una storia in grado di commuovere. E di mobilitare il mondo del calcio, con la Juventus in prima linea. La costante, ieri come oggi, è la presenza di Pogba nel mondo del giovane Dodien. Il centrocampista francese ha festeggiato il ritorno al calcio di Bryan sui social: "Che benedizione è che Bryan abbia battuto il cancro e ora ha giocato la sua prima partita con la Juve U15. Così orgoglioso di te amico mio, merci per essere stato d'ispirazione per me e per tanti altri. Spero di vederti presto! # fightcancer # beatcancer # thisiswhyweplay". Un post dedicato a un amico speciale, che Pogba aveva sostenuto sin dall'inizio, fino a dedicargli un gol, con tanto di messaggio in diretta tv il 16 dicembre 2015, nel 4-0 al Torino in Coppa Italia. Pogba segnò l’ultima rete ed esibì al mondo una maglietta con la scritta "Bryan sono con te". Lo è stato, come i medici della Juve e altri calciatori della prima squadra, da Chiellini a Kean. E ora, tutti insieme, possono festeggiare il ritorno di Bryan in campo. Magari in attesa, per il suo compleanno, di regalargli quattro palleggi in compagnia.

I più letti di calcio