Cannavaro: "Mi piacerebbe allenare in Europa. Studio Klopp e Guardiola"

Calcio
©Getty

L'attuale allenatore del Guangzhou Evergrande a Sky Sports Uk: "Sono in Cina per cercare di migliorare. sono in uno dei migliori club asiatici e, naturalmente, in futuro, vorrei provare la sfida del calcio europeo. Mi piacciono la mentalità di Klopp e la cultura sportiva di Guardiola". Sul duello Messi-Maradona: "Leo è uno dei forti di sempre, ma Diego è il migliore"

CORONAVIRUS, TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

"Mi piacerebbe allenare in Europa". L'ammissione è di Fabio Cannavaro. L'attuale allenatore del Guangzhou Evergrande ha raccontato a Sky Sports Uk le sue ambizioni per il futuro. "Sono in Cina per cercare di migliorare - spiega il campione del mondo con l'Italia 2006 - sono in uno dei migliori club asiatici e, naturalmente, in futuro, vorrei provare la sfida del calcio europeo". Parole che arrivano dalla Cina, dove Cannavaro ha fatto i conti con l'emergenza coronavirus: "La vita qui sta cominciando a tornare come prima. Ora sono davvero turbato per la situazione europea.

"Ruberei la mentalità di Klopp e la cultura di Guardiola"

L'ex difensore di Inter, Juventus e Real Madrid ha parlato anche dei suoi modelli in panchina: "Mi piacciono la mentalità di Klopp e la cultura sportiva di Guardiola, fa mettere alle sue squadre sempre intensità, con e senza palla". L'Inghilterra è un possibile approdo: "Credo che le mie squadre debbano controllare il gioco e provare a vincere. Ho il mio sistema e spero che un giorno di farlo vedere in Premier League".

"Ho tifato per Pallone d'Oro a Van Dijk"

A proposito di Premier, Cannavaro ha anche parlato della sua stima per il Liverpool ("Stagione fantastica, meritano di vincere il campionato") e per Virgil Van Dijk, secondo nella corsa al Pallone d'Oro 2019 alle spalle di Lionel Messi: "Gli ho mandato un messaggio per congratularmi ma come difensore è difficile vincere. Non devi solo fare una grande prestazione e vincere trofei". Nei Reds c'è anche Salah: "Lo rispetto molto, è cambiato tanto a Liverpool. Negli ultimi tre anni è stato come una macchina. È il giocatore che ogni allenatore vorrebbe allenare perché può difendere e attaccare. Non si arrende mai".

"Messi tra i più forti ma Maradona è il migliore"

Cannavaro ha detto la sua anche sul costante confronto fra Messi e Maradona: "Rispetto tanto Leo, è uno dei migliori di sempre. Ma Maradona è diverso, il calcio era diverso: lo prendevano a calci ma riusciva sempre a controllare la palla. Messi è il top ma Maradona è un'altra cosa, non lo paragonerei a nessun altro: non è uno dei migliori ma il migliore".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche