Fortuna Dusseldorf, i tifosi distruggono i bagni: carta d'identità obbligatoria

Bundesliga

Il club tedesco ha dovuto escogitare una soluzione per far sì che i suoi tifosi smettano di distruggere i bagni degli altri stadi. Chi vorrà usufruire dei servizi igienici, da ora, dovrà mostrare la propria carta d'identità

BAYERN, CHE ERRORE DI COMAN

 

Il Fortuna Dusseldorf, dopo la promozione ottenuta nella passata stagione e dopo aver reagito ad un inizio da incubo (una sola vittoria nelle prime dieci giornate), viaggia verso una salvezza tranquilla. Decimo posto in Bundesliga, la fatidica quota 40 punti raggiunta con il poker rifilato al Werder Brema nell'ultimo turno. Molto bene la squadra sul campo, un po' meno i suoi tifosi fuori. Questi, infatti, hanno un bruttissimo vizio, che consiste nel distruggere i bagni degli altri stadi. Lavandini, gabinetti, asciugamani: nelle loro trasferte piuttosto movimentate non risparmiano niente. A lamentarsi sono state molte società, dal Bayern al Wolfsburg, passando per Borussia Monchengladbach e Mainz. Tanto che la Federazione tedesca si è dovuta muovere in prima persona infliggendo al club una multa salatissima di oltre 120mila euro per il comportamento scorretto dei suoi fan. 

La curiosa iniziativa 

Insomma, il Fortuna Dusseldorf ha poi dovuto escogitare una soluzione affinchè certe scene non si ripetessero più. Nelle prossime due trasferte in programma (quelle contro Friburgo e Borussia Dortmund) chi vorrà usufruire dei servizi igienici dovrà per forza mostrare agli addetti alla sicurezza la propria carta d'identità. Questo quanto comunicato dal club con una nota pubblicata sul proprio sito ufficiale. Una decisione non ben digerita da parte dei tifosi, che l'hanno descritta come folle e da incubo. A loro comportarsi bene in queste ultime tre giornate per far tornare il Fortuna sui propri passi.

I più letti