Jurgen Klinsmann saluta l'Herta Berlino: ufficiali le dimissioni

Bundesliga

L'ex Ct di Germania e Usa ha annunciato l'addio alla panchina del club tedesco (quintultimo con 6 punti di vantaggio sulla terz'ultima) con un post su Facebook. Klinsmann ha però anche confermato di voler restare nel Consiglio di amministrazione dell'Hertha.

Jurgen Klinsmann non è più l'allenatore dell'Hertha Berlino. L'ex Ct di Germania e Usa (oltre che campione del mondo da giocatore con la Germania ed ex attaccante dell'Inter) ha annunciato le sue dimissioni con un lungo post su Facebook. "“Voglio ringraziare calorosamente tutti i giocatori, tifosi, spettatori, assistenti e collaboratori dell’Hertha per il supporto. Questo periodo è stato molto emozionante per me. Alla fine di novembre, con un team altamente competente abbiamo aiutato la squadra in un periodo difficile. Abbiamo ottenuto buoni risultati in un tempo relativamente breve, anche grazie al sostegno di molte persone. Abbiamo ormai sei punti di vantaggio sulla terz’ultima. Sono fermamente convinto che l’Hertha riuscirà a realizzare i propri obiettivi. In qualità di allenatore, però, ho bisogno anche della fiducia delle persone che lavorano per questo compito che non è ancora finito. Proprio nella lotta salvezza, l'unità, la coesione e la concentrazione sull'essenziale sono gli elementi più importanti. Se non sono garantiti, non posso sfruttare il mio potenziale di allenatore e quindi non posso nemmeno rispondere alle mie responsabilità. Per questo motivo, dopo una lunga riflessione, ho concluso di mettere a disposizione la mia carica di allenatore dell’ Hertha e di tornare al mio ruolo iniziale di membro del Consiglio di amministrazione". Klinsmann aveva iniziato la sua avventura sulla panchina del club tedesco il 30 novembre, esordendo contro il Borussia Dortmund. Nell'ultimo turno di campionato la sconfitta per 3 a 1 contro il Mainz. Ora si attende di capire se il Club confermerà Klinsmann nel ruolo di membro del Cda. 

I più letti