PSG-Manchester United 1-3, show a casa Lingard: tifo da stadio e dedica a Solskjaer. VIDEO

Champions League

Appartiene già alla storia l'impresa a Parigi dei Red Devils, qualificati ai quarti di Champions rimontando il PSG nel segno di Solskjaer. Una vittoria clamorosa considerando i 9 assenti in squadra tra i quali il 26enne attaccante inglese, showman direttamente da casa sua: tifoso speciale dall'esultanza folle, Lingard ha poi telefonato a Rashford e celebrato il proprio allenatore con un "santino" al volante della sua Bentley

PAZZA RIMONTA CON SOLSKJAER: ECCO LO SPIRITO UNITED

EVRA-POGBA, FESTA AL PARCO DEI PRINCIPI. VIDEO

LE NEWS SU DI FRANCESCO LIVE

SOLSKJAER HA RIVOLUZIONATO LO UNITED

Alzi la mano chi avrebbe scommesso sul passaggio del turno del Manchester United, qualificato ai quarti di finale di Champions League al termine di una clamorosa rimonta al Parco dei Principi. Sconfitti 2-0 a Old Trafford dal PSG nel primo atto, i Red Devils hanno ribaltato lo scenario del match sbancando 3-1 Parigi con la doppietta di Lukaku (favorito dagli errori di Kehrer e Buffon) e il rigore in pieno recupero di Rashford, attaccante che non aveva mai calciato un rigore in incontri ufficiali. Una serata dalle prima volte, evidentemente, d’altronde mai era accaduto in 106 precedenti che una squadra ribaltasse una sconfitta casalinga con almeno due gol di scarto nella competizione. Serviva la mano di una vecchia gloria del club come Ole Gunnar Solskjaer, allenatore che a vent’anni di distanza archivia un’altra notte magica dopo quella finale di Champions risolta da una sua rete a Barcellona. Detto della portata di un’impresa mai vista attraverso i numeri, ad avvalorare il miracolo sportivo del 46enne norvegese vanno ricordati i 9 assenti tra infortunati e squalifiche: fuori dai giochi Valencia, Jones, Herrera, Matic, Sanchez, Mata, Martial e Lingard, loro come Pogba squalificato per l’occasione. E se il "Polpo" ha festeggiato con gli interessi direttamente al Parco dei Principi, chi si è preso la scena dal salotto di casa sua è stato proprio Jesse Lingard.

Uno spettacolo interamente offerto su Instagram, social dal quale il 26enne attaccante inglese tramite una serie di stories ha ripercorso il suo PSG-Manchester United a beneficio dei seguaci. E quindi si va dal sostegno ai compagni prima del fischio d’inizio ai festeggiamenti per i gol dei Red Devils: dal vantaggio di Lukaku al penalty trasformato da Rashford, quest’ultimo celebrato con una folle esultanza da stadio trasferita in casa sua. Insomma, l’assenza forzata dal campo non ha privato Lingard della sua proverbiale simpatia che su Instagram presenta addirittura 6 milioni di followers. Naturalmente lo show del giocatore non si è esaurito qui: come da lui pubblicato, l’esterno classe 1992 ha prima telefonato all’amico Rashford per congratularsi e poi ha omaggiato a suo modo mister Solskjaer. Doverosa premessa: dal periodo natalizio nelle partite casalinghe del Manchester United riecheggia il coro Ole's at the Wheel sulle note di Waterfall degli Stone Roses, ormai un mantra della parti di Old Trafford. Ecco quindi che Lingard ha preso alla lettera il brano (traducibile con "Ole al volante") trasportando l’allenatore direttamente sul volante della propria Bentley. Un "santino" sui generis, originale slancio di fiducia per chi ha stravolto la stagione dello United dopo l’esonero di Mourinho.

I più letti