Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
user
03 giugno 2019

Finale di Champions, tifoso Reds "scompare". La famiglia lo cerca, lui era in carcere

print-icon

Troppo ubriaco per fornire correttamente il proprio nome, Macauley Negus era stato registrato come "Mac Kullen" dalla polizia spagnola che lo aveva arrestato dopo la finale di Champions per aver aggredito due agenti. Intanto la famiglia, disperata, lanciava appelli social per ritrovarlo...

CHAMPIONS: I 10 GOL PIÙ BELLI

COSA C'È DIETRO L'INVASIONE DI KINSEY

CHAMPIONS 2019/2020: LE FASCE

Tutta la UEFA Champions League è solo su Sky

La famiglia lo cercava, lanciando disperati appelli social nel tentativo di rintracciarlo o mettersi in contatto con lui. Lui non rispondeva semplicemente perché... era in carcere. È la vicenda, fortunatamente con un lieto fine che ci strappa anche un sorriso, di Macauley Negus, tifoso del Liverpool misteriosamente "scomparso" di punto in bianco a Madrid, la notte della finale di Champions.

Il ragazzo, 23 anni, era infatti volato in Spagna per assistere a Tottenham-Liverpool: dopo la vittoria dei Reds, però, i suoi familiari non hanno più avuto sue notizie e hanno iniziato a preoccuparsi. Macauley non rispondeva più al telefono e non era rintracciabile in alcun modo, così l'appello social lanciato dal fratello Ashley, al quale rispondono migliaia di tifosi Reds con messaggi di solidarietà e vicinanza alla famiglia.

Mistero svelato dopo qualche ora, quando la polizia spagnola ha diffuso la notizia di un uomo arrestato per aver aggredito due agenti e ancora in custodia, ma talmente ubriaco da non essere in grado nemmeno di dire correttamente il proprio nome.

Registrato come Mac Kullen (così aveva detto di chiamarsi), Macauley era stato trovato da due poliziotti verso le 2 del mattino dopo la finale, sdraiato seminudo e apparentemente privo di sensi nel centro di Madrid. Accorsi per aiutarlo, i due agenti erano stati aggrediti a calci e pugni, riportando lievi ferite. Immediato il fermo, con conseguente "scomparsa" del ragazzo, fino alla soluzione del mistero con un nuovo tweet del fratello: "A tutti coloro che hanno aiutato la mia famiglia durante questo periodo difficile, voglio ringraziarvi ora che abbiamo trovato Macauley".

Hai già aggiunto Sky Sport ai tuoi contatti Whatsapp?

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' LETTI DI OGGI
I più letti di oggi