Inter Slavia Praga 1-1: gol e highlights della partita. Barella salva i nerazzurri al 92'

Inizia con un pari la Champions League dell'Inter, che soffre a San Siro contro lo Slavia. Nerazzurri raramente brillanti sotto il profilo del gioco. Nel secondo tempo la rete di Olayinka pareggiata nel recupero da Barella. Ora tocca a Barça e Dortmund

NAPOLI-LIVERPOOL LIVE - LA DIRETTA GOL

DAL 20 SETTEMBRE DAZN1 SUL CANALE 209 DI SKY: LA GUIDA

CONTE: "POCHE IDEE, IO PRIMO RESPONSABILE"

INTER SLAVIA, L'ANALISI TATTICA

INFORTUNIO CANDREVA, LE NEWS

INTER-SLAVIA PRAGA 1-1

64' Olayinka (SP), 90'+2 Barella (I)

INTER (3-5-2): Handanovic; D'Ambrosio, De Vrij, Skriniar; Candreva (49' Lazaro), Gagliardini, Brozovic (71' Barella), Sensi, Asamoah; Lautaro Martinez (72' Politano), Lukaku. All. Conte

SLAVIA PRAGA (4-2-3-1): Kolár; Coufal, Kúdela, Hovorka, Boril; Soucek, Husbauer; Masopust (79' Helal), Traoré (60' Zeleny), Stanciu; Olayinka (85' Provod). All. Trpisovsky

Ammoniti: Hovorka (SP), Asamoah (I), Lautaro (I), Politano (I), Soucek (SP)

Inter spenta, la salva Barella. Inizio in salita di Champions per la squadra di Antonio Conte, che fallisce i tre punti all'esordio, in casa, contro l'avversaria più "abbordabile" del girone. Virgolette d'obbligo per uno Slavia che si è dimostrato squadra vera, guidata dai diktat tattici del suo allenatore, Trpisovsky, evidentemente non a caso ribattezzato il "Klopp della Repubblica Ceca". I cechi, infatti, hanno fatto la loro partita sul campo nerazzurro, vicinissimi a centrare il bersaglio grosso dei tre punti. Inter piuttosto imballata, pericolosa sì, ma mai sugli sviluppi del proprio gioco. Lautaro il più insidioso della partita con un paio di tentativi in area, un po' casuali e generati, una volta, da un recupero alto dei compagni; l'altra da un tiro cross di Sensi (il migliore dell'Inter) smanacciato dal portiere avversario. Alla fine è stato allora uno dei cambi ad aver dato la scossa necessaria, Barella, autore della zampata decisiva dopo la traversa proprio di Sensi su punizione. Ora è il calendario ad essere ostico: trasferta a Barcellona a casa di Messi alla prossima, poi il doppio confronto (prima in casa poi in Germania) col Borussia Dortmund.

La partita

Come titolari, Conte conferma i giocatori che già avevano convinto nelle prime tre di campionato. Handanovic, Skriniar, Asamoah, Candreva, Sensi e Lukaku (che stringe i denti nonostante i problemi alla schiena) giocano dal 1' per la quarta volta su quattro in stagione. Le novità sono invece Gagliardini (e non Vecino) a centrocampo, con lo stesso Candreva che, nonostante la candidatura di Lazaro, si conferma titolare. Pronti e via è però un primo tempo complicato per i nerazzurri, che ospitano una squadra piena di insidie. Inter pericolosa nei primi 45 minuti in tre circostanze, ma solo su palla inattiva (i colpi di testa di de Vrij al 12' e D'Ambrosio al 23' sprecati sulle due punizioni di Sensi) e su un recupero alto (con Lautaro che sfiora il palo in area al 15'). Molte di più sono le difficoltà nel creare la trama di gioco, e anche poche le iniziative personali per dare una svolta al match.

Dunque la ripresa, dove è ancora una volta Lautaro, dopo un paio di minuti, ad avvicinarsi al gol con un tentativo di ribattuta in area dopo tiro-cross del solito Sensi. Poi solo Slavia per tutto il resto della frazione, con gli ospiti bravi - piano piano - a far loro l'inerzia della partita. Al 64' la rete di Olayinka, in tap in dopo parata di Handanovic, gela San Siro, giocatori di Conte compresi; mentre sul fronte opposto i cechi si avvicinano almeno un paio di volte (ma mai clamorosamente) al bis. E all'80' la statistica parla chiaro: dopo lo svantaggio appena due tiri per i nerazzurri, che si risvegliano solo grazie ai cambi. Politano (per Lautaro) ha un ottimo impatto su match. Meglio ancora quello di Barella (per uno spento Brozovic), che decide l'1-1 finale ribattendo a rete la traversa di Sensi su punizione. Inter rimandata. E ora, per la corsa agli ottavi c'è da sfidare i giganti.

1 nuovo post

Antonio Conte non ha trovato il successo in quattro delle sue ultime cinque gare nei gironi di Champions League (3N, 1P).

- di marcosal93

Prima di Barella, l'ultimo giocatore italiano a segnare nel suo debutto in Champions League è stato Davide Zappacosta, con il Chelsea contro il Qarabag.

- di marcosal93
FINISCE QUI: 1-1 TRA INTER E SLAVIA PRAGA!
- di marcosal93
96' - Miracolo di Kolar su Lukaku! Ma era fuorigioco. Cross di Sensi e colpo di testa sotto porta del belga: paratona del portiere dello Slavia, con la bandierina dell'assistente alta. 
- di marcosal93

Barella è il primo giocatore italiano a segnare in CL con l'Inter da Pazzini, nel marzo 2012.

- di marcosal93
Gol!
92' - BARELLA! 1-1 DELL'INTER!
 
Punizione di Sensi sulla traversa! Sulla ribattuta va Barella: destro incrociato che, complice una deviazione, batte Kolar. 
- di marcosal93
Ammonito!
91' - Giallo per Soucek. Politano guadagna un ottimo calcio di punizione dal limite.
- di marcosal93
90' - L'annuncio del maxi recupero ha galvanizzato San Siro. Vediamo se sarà una spinta anche per i giocatori di Conte. 
- di marcosal93
90' - Previsti ben otto minuti di recupero. Sembrano tanti, ma ci sono stati due interventi Var per il potenziale rosso ad Asamoah, e quello sul gol dello Slavia. E anche l'infortunio di Candreva. 
- di marcosal93
Cambio!
85' - Ultima sostituzione: Provod per l'autore del gol Olayinka. 
- di marcosal93
83' - D'Ambrosio! Botta dal limite: para in qualche modo Kolar respingendo il tiro. Una conclusione che può dare coraggio all'Inter per l'assalto finale. 
- di marcosal93
Ammonito!
82' - Giallo per Politano, anche a lui per proteste. 
- di marcosal93
80' - Statistica Opta significativa: dal 63° minuto in cui è andata sotto nel punteggio, l'Inter ha effettuato appena due conclusioni.
- di marcosal93

Abdulla Yusuf Helal è il primo giocatore del Bahrain a giocare in Champions League.

- di marcosal93
Cambio!
79' - Dentro Yusuf Helal nello Slavia per Masopust. 
- di marcosal93
77' - Che occasione per lo Slavia! Boril pescato troppo facilmente da Stanciu. Tiro murato: erano in due contro due in area. 
- di marcosal93
76' - Primo tentativo di reazione dell'Inter: Sensi dal limite col destro. Tiro murato. 
- di marcosal93

Peter Olayinka è il primo giocatore nigeriano a segnare nel suo debutto in Champions League da Yakubu (tripletta) nel settembre 2002 contro l’Olympiakos, con il Maccabi Haifa.

- di marcosal93
Cambio!
71' - Nell'Inter Barella per Brozovic e Politano per Lautaro. Esauriti i cambi per Conte. 
- di marcosal93

I più letti