Ilicic al bacio, una storia incredibile

champions
Maurizio Compagnoni

Maurizio Compagnoni

Il 32enne sloveno regala magie e incanta. Il ricordo di un giocatore incostante e a tratti indolente è lontano, ora ci troviamo di fronte a un fuoriclasse: una trasformazione senza precedenti nella storia del calcio

VALENCIA-ATALANTA 3-4: GOL E HIGHLIGHTS

CORONAVIRUS: GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA

Ho guardato con attenzione la partita dell'Atalanta ma, ancor di più, mi sono riempito gli occhi ammirando Ilicic. Lo sloveno, a 32 anni, è diventato un fuoriclasse. Uno come lui, in questo momento, sarebbe titolare ovunque: nel Real Madrid, nel Barcellona, nel Manchester City. E magari nel Liverpool Klopp si inventerebbe qualcosa per farlo coesistere con Salah.

 

Ilicic è un gigante. Non per i suoi 190 cm ma per quello che fa in campo: segna, regala assist, imposta, veste i panni del leader. I quattro gol di Valencia lo proiettano in una nuova dimensione. E dovrebbero invitare gli osservatori più attenti a studiare quello che possiamo definire il fenomeno Ilicic. 

Fenomeno non nel senso calcistico ma come incredibile evoluzione del rendimento di un calciatore. Perché, a memoria, una trasformazione così clamorosa non ha precedenti nella storia del calcio. Esagero? Non credo.

 

Josip Ilicic ha compiuto 32 anni a fine gennaio. In Italia è arrivato a 22 anni e mezzo, quasi in punta di piedi. Non è che avesse incantato dalle sue parti. A Palermo sprazzi di talento oscurati da una fastidiosa incostanza, anche all'interno della stessa partita. E a Firenze le cose non sono migliorate, anzi. Lunghi passaggi a vuoto, inconsistente nelle partite decisive come nella finale di Coppa Italia con il Napoli. Ogni tanto qualche lampo, ma niente di più.

 

Poi l'arrivo a Bergamo per appena 5 milioni. A 29 anni la svolta. Ilicic si libera dei panni del talento indolente, senza un ruolo e mai decisivo. All'Atalanta è tutta un'altra storia. Ilicic diventa più bravo partita per partita. Una crescita incredibile. Oggetto misterioso a 30 anni, un fenomeno a 32. Non sbaglia una partita, è diventato leader. Sì, lui. Quello che per anni si era nascosto dietro la sua indolenza.

 

Anche in Slovenia sono increduli: in nazionale un Ilicic così non lo hanno mai visto. Avesse preconizzato qualcuno, un paio di anni fa "Ilicic sarà in corsa per il Pallone d'oro" lo avrebbero portato davanti a un medico, uno bravo per valutarne le reali capacità intellettive. Io fatico a trovare una storia simile. Un "pacco" per quanto talentuoso fino a 29 anni. Un giocatore semplicemente meraviglioso a 32. Adesso Ilicic è tra i dieci giocatori più forti al mondo. Per me è una storia calcisticamente incredibile.

L'incursione in diretta du Sky Sport del Papu Gomez per "ringraziare" il compagno

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche