Roma, Dzeko ritrova il Siviglia cinque anni dopo. Tutto sul match di Europa League

Europa League
Riccardo Gentile

Riccardo Gentile

La Roma è pronta a sfidare il Siviglia nella prima partita ufficiale tra i due club (diretta su Sky Sport giovedì 6 agosto alle 18.55): cinque anni fa Edin Dzeko giocò contro gli andalusi la sua prima in giallorosso, in un'amichevole finita 6-4

SIVIGLIA-ROMA LIVE

Era il 14 agosto 2015, più di 30.000 spettatori sugli spalti dell’Olimpico, per la presentazione della Roma di Rudi Garcia alla sua seconda stagione da allenatore giallorosso. Occhi puntati sul colpo dell’estate, il nuovo centravanti, il numero 9 Edin Dzeko, arrivato dal Manchester City. Si presentò a modo suo il bosniaco, dopo 3’ su assist di Maicon, per poi ripetersi a fine primo tempo con il gol del 3-0 sull’asse Pjanic-Salah. Finì 6-4 l’amichevole contro il Siviglia di Emery. A Duisburg, quasi cinque anni dopo, andrà in scena la prima sfida ufficiale tra questi due club. Ottavi di Europa League, che gli spagnoli hanno sempre superato, tranne nella scorsa stagione quando lo Slavia Praga passò ai supplementari. La Roma, invece, da quando si chiama Europa League, è stata sempre eliminata: dal Lione tre anni fa con Spalletti in panchina e dalla Fiorentina di Montella nel 2015. L’unico allenatore italiano nella storia del Siviglia, anno 2018, anche se per soli quattro mesi. 102 gol da calciatore della Roma per Vincenzo Montella, 4 in meno di Edin Dzeko che nel frattempo ha raggiunto Volk al quarto posto nella classifica dei marcatori di sempre in giallorosso. E che ormai più di due anni fa, fu uno dei protagonisti della straordinaria rimonta di Champions contro il Barcellona, nell’ultimo successo in ordine di tempo contro un avversario spagnolo.

70 punti e terza miglior difesa in Liga

La scorsa stagione un brusco risveglio al Santiago Bernabeu, nel giorno dell’esordio in giallorosso di Nicolò Zaniolo, la prima del girone contro il Real Madrid che era ancora di Lopetegui, esonerato poco più di un mese dopo dalla Casablanca. Oggi è lui l’allenatore di un Siviglia che ha chiuso la Liga a 70 punti, gli stessi dell’Atletico Madrid. Qualificazione in Champions in tasca e terza miglior difesa in Spagna. Imbattuto nelle ultime 15 partite di campionato, con l’ultima sconfitta che risale addirittura al 9 febbraio al Balaidos di Vigo.

Doppi ex e precedenti 

Nessun ko per Lopetegui nei tre precedenti contro Paulo Fonseca, affrontato nel campionato portoghese. L’ultima volta finì 0-0 tra Porto e Braga nell’ottobre di cinque anni fa. Più o meno due mesi dopo quell’amichevole tra Roma e Siviglia, la prima volta di Edin Dzeko in maglia giallorossa. È lui l’unico reduce di quella sera, oltre a Morgan De Sanctis (doppio ex da calciatore) che nel frattempo, però, è passato dal campo ai quadri dirigenziali. Dall’altra parte, oltre a Sergio Escudero, quasi cinque anni dopo ci sarà anche Ever Banega, sconfitto quel giorno in amichevole e anche nelle due sfide di serie A da giocatore dell’Inter. Contro i giallorossi però, il 2 ottobre 2016 all’olimpico, arrivò il suo primo gol italiano. Gioia mai provata da Ocampos, il capocannoniere stagionale del Siviglia con 16 gol, ma sempre ko in due sfide alla Roma con le maglie di Milan e Genoa. Bilancio negativo anche per Franco Vazquez: tre sconfitte su cinque contro la Roma da giocatore del Palermo, ma anche per lui un gol realizzato e nel giorno dell’unica vittoria (31 maggio 2015) da calciatore contro i giallorossi. Per finire Suso, che da avversario ha affrontato sette volte i giallorossi. Solo due vittorie e senza mai segnare. Fortemente voluto a Siviglia dal DS Monchi, il doppio ex più recente, di una sfida che anche se a porte chiuse avrà mille storie da raccontare.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche