Mourinho sugli Europei: "Vedo l'Italia tra le prime 4. Difficile trovare punti deboli"

Europei

L'allenatore portoghese sugli Europei: "Guarderò attentamente i miei giocatori della Roma, l'Italia è cresciuta tanto grazie a Mancini e penso che arriverà tra le prime quattro. L'Inghilterra ha una squadra fantastica, quest'anno deve provare a vincere. La Francia è la favorita e, in caso di mancata vittoria, sarebbe un Europeo negativo. Il Portogallo e il Belgio hanno talento e possono fare bene, la Spagna è tecnicamente forte ma non la vedo in finale"

L'inizio degli Europei si avvicina, tante le Nazionali che si preparano a disputare questa competizione con l'obiettivo di vincerla. Tra le favorite, secondo José Mourinho, c'è anche l'Italia. L'allenatore della Roma ha parlato delle varie selezioni, presentando dettagliatamente questi campionati europei: "Guarderò molto attentamente i miei giocatori della Roma, Leonardo Spinazzola, Bryan Cristante e Lorenzo Pellegrini, ovviamente sarò concentrato su di loro – le parole del portoghese al The Sun – Ma l'Italia è una squadra con un buon mix di giocatori di esperienza e ragazzi che sanno vincere. Saranno forti. Mancini è un allenatore di grande esperienza, ha trascorso 20 anni allenando nei migliori campionati del mondo e quindi è più che pronto e ha già dimostrato nelle partite precedenti quanto sia bravo. La squadra è migliorata sotto la sua guida, l'Italia ha giocatori di talento e anche un'ottima conoscenza tattica. Sono in grado di giocare in modi diversi ma Mancini sta dando loro anche qualità offensiva, senza perdere la loro natura. È difficile trovare punti deboli nell'Italia, penso che arriveranno tra le prime quattro".

"Inghilterra squadra fantastica, deve provare a vincere"

approfondimento

Europei, i convocati delle 24 nazionali e i numeri

Tra le Nazionali migliori c'è anche l'Inghilterra: "Una squadra fantastica – prosegue Mourinho – Sarà difficile per Southgate mettere tutti d'accordo perché ha tantissime alternative, basti per esempio guardare i terzini destri. La rosa è molto buona, ha parecchie opzioni e l'allenatore sta acquisendo grande esperienza internazionale. L'Inghilterra è tra le Nazionali più difficili da allenare, c'è tanta pressione soprattutto ora che giocheranno quasi tutte le gare in casa. Ma quest'anno devono provare a vincere".

"Francia favorita, Portogallo e Belgio possono farcela"

approfondimento

Non solo Mbappé: gli esordienti più preziosi

Sulle altre selezioni, aggiunge: "Il Belgio ha talento e, dopo tanti anni, ha raggiunto la giusta maturità. Possono fare qualcosa di speciale e superare il risultato raggiunto agli ultimi Mondiali. La Francia ha così tanti giocatori che potrebbe presentarsi con tre squadre. Mbappé è fortissimo e deve dimostrare che, dopo Messi e Cristiano, sarà il prossimo migliore al mondo. Devono vincere, altrimenti sarà un Europeo negativo. Il Portogallo ha Ruben Dias che è il miglior centrale al mondo, vicino a Pepe potrà fare grandi cose. Questo sarà un vantaggio, perché poi hanno un attacco fantastico. Certo, Cristiano non è più un ragazzino, ma farà di tutto per vincere un altro Europeo. Ha un girone difficile, ma se va avanti può arrivare fino alla fine. La Spagna tecnicamente è incredibile, ma non hanno un attaccante di punta. Sono forti, ma non li vedo in finale".