Tebas: "La Liga potrebbe ripartire l'11 giugno con il derby di Siviglia"

Liga

Il presidente della Liga sul ritorno in campo: "Non è stata decisa la data precisa, ma potrebbe essere giovedì 11 giugno. Ci piacerebbe ripartire quel giorno con il derby di Siviglia alle 22. Sarebbe una gara speciale, un tributo per chi ha perso la vita durante la pandemia"

CORONAVIRUS, TUTTI GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA

Conto alla rovescia ormai iniziato, la Liga – dopo il lungo stop causa Coronavirus – si prepara al ritorno in campo. Decisione presa come annunciato nei giorni scorsi dal primo ministro spagnolo Pedro Sanchez, che ha parlato di ripartenza "della Liga a partire dalla settimana dell'8 giugno”. Sull’argomento, ospite a El Partidazo de Movistar, ha parlato anche Javier Tebas, presidente della Liga stessa: "Non è stata ancora decisa la data, ma sarà nel weekend del 12 giugno. Potrebbe essere addirittura, come speriamo, giovedì 11 ma dipende da come andranno avanti le fasi e dagli allenamenti. Ci piacerebbe ripartire con il derby di Siviglia, giovedì 11 alle 22:00, quella è l'idea. Sarebbe una partita unica, un tributo per tutte le persone che hanno perso la vita in questa pandemia”, ha ammesso.

Gli orari delle gare

"Per quanto riguarda la pubblicazione del calendario, la nostra idea è quella di presentare le prossime 4 giornate di campionato a inizio settimana", ha proseguito Tebas. Che ha parlato così anche dei possibili orari dei match di Liga: "Durante la settimana le gare saranno divise in due orari: tra le 19.30 e le 20 e le 21.30 e le 22. Nel fine settimana invece, si giocherà alle 17, alle 19.30 e alle 21.30/22", ha aggiunto Tebas. Il presidente della Liga ha commentato poi così il comportamento dei tre giocatori del Siviglia, Vazquez, De Jong e Banega, che hanno violato le regole imposte dal governo spagnolo in questa fase della battaglia al virus. "I giocatori sono pentiti, questo è un aspetto positivo. I calciatori sono un esempio per tutta la società e devono stare attenti a ciò che fanno, non possono avere certi comportamenti”, ha concluso.

CALCIO: SCELTI PER TE