Italia-Tahiti 12-4, debutto mondiale col botto per gli azzurri del beach soccer

Mondiali

Nella partita d'esordio del mondiale in Paraguay, la nazionale di Del Duca vola contro i polinesiani vicecampioni del mondo. Gabriele Gori trascinatore con cinque gol, prestazioni maiuscole anche di Zurlo e Corosiniti

Un'Italia stellare spazza via l'emozione del debutto e regola i vicecampioni del mondo di Tahiti per 12-4 nella prima partita della FIFA Beach Soccer World Cup 2019. Gori e Zurlo sugli scudi, ma è tutta la squadra allenata da Emiliano Del Duca a brillare sulla spiaggia di Asuncion. Partono col piede giusto gli azzurri, che dopo una traversa di Chiavaro sbloccano il punteggio dopo due minuti con una gran rovesciata di Gori. La risposta di Tahiti sembra immediata: Teriitau pareggia i conti di testa su calcio d'angolo, ma poi l'Italia scappa via ancora con Gori e Corosiniti in acrobazia. Doppietta anche per il capitano, che con una punizione beffarda pesca il gol del 4-1. A cavallo delle prime due frazioni di gioco c'è il sussulto d'orgoglio dei polinesiani, che accorciano fino al 4-3 sfruttando due disattenzioni della difesa azzurra. Ci pensa il solito Gori, stavolta dalla distanza, a ricacciare indietro Tahiti. Nel finale di secondo tempo sale in cattedra Zurlo: prima su punizione, poi con la quarta rovesciata vincente dei ragazzi di Del Duca per il massimo vantaggio Italia. Terzo tempo: subito l'assolo di Li Fung Kuee riaccende le speranze di Tahiti, nuovamente a -3. Gli azzurri tengono, con un po' di sofferenza, e poi volano in contropiede con il tris di Zurlo e la prima rete del classe 2000 Josep Percia Montani. Il punto esclamativo arriva con la cinquina di Gori (rigore più punizione allo scadere) e il poker di Zurlo (altra chilena): cala il sipario con 5 minuti ancora da giocare. Tantissimi per il beach, ma questa Italia è già in formato mondiale.

Del Duca: "Seguito alla grande il piano partita"

Al termine del match sono arrivate le dichiarazioni del commissario tecnico della Nazionale: "Sapevamo che Tahiti era una grande squadra, la finalista degli ultimi due mondiali", sorride Del Duca. "Però l'abbiamo preparata bene, ed eseguita ancora meglio: siamo riusciti a spaccare il campo sui loro schemi, senza soffrire mai. Dobbiamo ancora migliorare nella gestione della palla, ma è importante essere riusciti a impostare bene ogni fase di gioco. In questo mondiale dobbiamo crescere partita dopo partita". Grande Italia, ma sabato sera ci sarà già l'Uruguay per la seconda sfida del gruppo B: "Il torneo è appena iniziato", commenta prudente il ct. "Abbiamo dato un buon segnale a tutto il girone ma ora testa ai nostri prossimi avversari: sabato sarà una partita decisiva".

ITALIA-TAHITI 12-4

(parziali: 4-2; 3-1; 5-1)

2', 6', 13', 32' rig., 36' Gori (I), 4' Teriitau (T), 9', 10' Corosiniti (I), 12' Chan-Kat (T), 13', 26' Li Fung Kuee (T), 18', 19', 29', 33' Zurlo (I), 30' Josep Jr.

 

ITALIA: Del Mestre, Josep Jr., Chiavaro, Ramacciotti, Gori; Percia Montani, Frainetti, Marinai, Corosiniti, Zurlo, Palmacci, Carpita. All.: Del Duca.

 

TAHITI: Jo, Taiarui, Tepa, Li Fung Kuee, Labaste; Tchen, Teriitau, Chan-Kat, Tavanae, Tehau, Salem, Revel. All.: Bennet.

I più letti