Mondiali ogni due anni, Eca: "Fifa sta violando le regole, siamo delusi"

Mondiali

L'ECA respinge l'idea della FIFA di organizzare un Mondiale ogni 2 anni: "La riforma dei calendari deve essere condivisa con i club, che sono una parte fondamentale del mondo del calcio. Bisogna ridurre le finestre per le nazionali e tutelare la salute dei calciatori, ma un Mondiale ogni 2 anni avrebbe effetti distruttivi sull'intero movimento"

È sempre più all'ordine del giorno il tema che riguarda il calendario degli impegni dei club, in relazione poi a quelli delle nazionali. Ed è vivo più che mai il dibattito tra l'ECA, l'organismo che rappresenta i club a livello europeo, e la FIFA che, tra le altre cose, spinge per avere un Mondiale ogni due anni. Idee che vedono l'opposizione della stessa Associazione dei Club Europei, che ha emesso un duro comunicato: "I club di calcio sono sempre stati una voce fondamentale e rispettata nel plasmare il futuro dell'IMC (calendario internazionale delle partite) – si legge - Sono la pietra angolare del calcio, essendo i piloti delle competizioni, l'hub principale e la sede dello sviluppo e degli investimenti dei giocatori e il fulcro dei tifosi e delle loro comunità locali. Ecco perché il Memorandum of Understanding (MoU), che regola il rapporto tra ECA e FIFA, pone al centro l'IMC. Questo protocollo d'intesa tra i club e la FIFA è stato concordato in seguito a trattative dettagliate e all'approvazione congiunta sull'IMC, nonché sui processi che regolano l'IMC". 

"Mondiali ogni 2 anni? Un danno per l'intero movimento"

leggi anche

Uefa: "Mondiali? Delusi da atteggiamento Fifa"

"L'ECA è stata chiara nella sua posizione secondo cui sono necessarie modifiche all'IMC – prosegue il comunicato - Un IMC modernizzato e più semplice deve essere fondato su un minor numero di finestre di rilascio per le nazionali, migliore protezione della salute dei giocatori e un approccio equilibrato al calcio di club e internazionale. A tal fine, l'ECA ha chiarito – pubblicamente, privatamente e ripetutamente – la sua disponibilità a impegnarsi con la FIFA per concordare quali dovrebbero essere tali modifiche. L'ECA ha quindi seguito con grave preoccupazione e allarme il lancio da parte della FIFA di campagne di pubbliche relazioni attive e rivolte in particolare all'introduzione di una Coppa del Mondo biennale. A parte la mancanza di un importante confronto, le proposte della FIFA porterebbero a un impatto diretto e distruttivo sui club, sia a livello nazionale che internazionale. Inoltre, le proposte metterebbero a rischio la salute e il benessere dei giocatori, diluirebbero il valore e il significato delle competizioni di club e nazionali, ridurrebbero l'interesse e entrerebbero in conflitto con il calcio femminile e giovanile - essendo aree sottorappresentate del gioco in cui l'ECA e altri stanno impegnando tempo, talento e risorse significative - subordinando anche altri tornei e interessi sportivi a tutti i livelli in tutto il mondo". 

"Riforma calendari deve essere condivisa"

leggi anche

Mondiali ogni due anni, le linee guida della Fifa

"Data la centralità dell'IMC per le società e delle società per l'IMC, l'ECA ribadisce nei termini più inequivocabili che qualsiasi decisione relativa al suo futuro possa avvenire solo con il consenso delle società calcistiche, con al centro il benessere dei giocatori e in armonia con obblighi giuridicamente vincolanti che normalmente non dovrebbero necessitare di riformulazione. In breve, la riforma dell'IMC deve essere fondata su esiti concordati, equilibrati nell'interesse di tutti, a seguito di una consultazione onesta e dettagliata – non semplicemente incanalata nell'interesse singolare della FIFA sulla scia di una serie di campagne di pubbliche relazioni", conclude l'ECA.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche