Premier League, i risultati della 19^ giornata: Manchester City a -7 dal Liverpool, il Tottenham è 2°

Premier League

Nel Boxing Day il Manchester City cade 2-1 a Leicester e scivola al 3° posto a -7 dal Liverpool, capolista che travolge 4-0 il Newcastle. La seconda forza del campionato ora è il Tottenham, lontano 6 punti dai Reds. Doppietta di Pogba contro l'Huddersfield: vince ancora lo United di Solskjaer. Solo un punto per l'Arsenal a Brighton, ne approfitta il Chelsea di Sarri nel segno di Hazard

PREMIER LEAGUE, TUTTI GLI HIGHLIGHTS

ADDIO MOURINHO, POGBA SHOW CONTRO L'HUDDERSFIELD

PREMIER, RISULTATI E CLASSIFICA

Boxing Day nel segno del Liverpool: la squadra di Klopp, che dopo le battute d'arresto delle inseguitrici nell'ultima giornata era andata in fuga salendo a +4 punti sul Manchester City, nel 19esimo turno di Premier consolida ulteriormente il primato in vetta. Lo fa grazie alla netta vittoria contro il Newcastle dell'ex Benitez, sconfitto 4-0, e al tonfo del Manchester City. Gli uomini di Guardiola, infatti, vengono sconfitti 2-1 dal Leicester: perdono il secondo posto in classifica e sprofondano a -7 dal Liverpool. Non si ferma più il Tottenham, reduce dal 6-2 esterno contro l'Everton: Bournemouth travolto 5-0 (doppietta di Son) e 2° posto in classifica a -6 dalla vetta. Intanto Paul Pogba torna protagonista con il Manchester United di Solskjaer: dopo il gol di Matic l'ex bianconero sale in cattedra contro l'Huddersfield e sigla due reti in 14 minuti che fanno esplodere l'Old Trafford. La giornata, che si era aperta con l'1-1 tra Fulham e Wolverhampton (Ranieri beffato a 5' dal termine da Saiss), registra il punto raccolto dall'Arsenal a Brighton: non basta Aubameyang in avvio, Unai Emery perde contatto dal Chelsea che passa a Watford nel segno di Hazard. Sarri riscatta così lo scivolone casalingo contro il Leicester e guadagna il 4° posto in solitaria.

Watford-Chelsea 1-2

46' e 58' rig. Hazard (C), 48' Pereyra (W)

Watford (4-4-2): Foster; Femenia, Kabasele (16' Mariappa), Cathcart, Holebas; Sema (67' Quina), Doucouré, Capoué, Pereyra; Deulofeu (82' Success), Deeney. All. Gracia

Chelsea (4-3-3): Kepa; Azpilicueta, Rudiger, David Luiz, Alonso; Kanté, Jorginho, Kovacic (80' Barkley); Willian, Hazard, Pedro (44' Hudson-Odoi; 86' Emerson). All. Sarri

Ammonito: Foster (W)

Frena l’Arsenal a differenza del Chelsea impegnato nell’ultimo match del Boxing Day: a Vicarage Road la squadra di Sarri vince 2-1 contro l’ottimo Watford di Javi Gracia, allenatore imbattuto da 270 minuti e reduce da due successi consecutivi. Dopo il botta e risposta Hazard-Pereyra nel recupero del primo tempo, è ancora il trequartista belga (10 gol in campionato) a procurarsi e trasformare il rigore da tre punti. Sarri riscatta lo scivolone casalingo contro il Leicester e guadagna il 4° posto in solitaria a +2 sui Gunners.

Brighton-Arsenal 1-1

7' Aubameyang (A), 35' Locadia (B)

Brighton (4-4-1-1): Ryan; Montoya, Duffy, Balogun, Bernardo; March, Stephens, Propper, Locadia (86' Knockaert); Gross; Murray (79' Andone). All. Hughton

Arsenal (4-3-1-2): Leno; Lichtsteiner, Sokratis, Koscielny (70' Maitland-Niles), Kolasinac; Torreira, Xhaka, Guendouzi; Ozil (46' Iwobi); Lacazette (61' Ramsey), Aubameyang. All. Emery

Ammoniti: Montoya (B), Murray (B), Kolasinac (A)

Solo un punto raccolto dai Gunners all'AMEX Stadium, casa del Brighton che si rialza dopo tre sconfitte consecutive. Sotto in avvio con il 15° centro stagionale di Aubameyang, i Seagulls tornano in partita grazie al definitivo 1-1 di Locadia prima dell'intervallo. Risultato che non cambierà nella ripresa e che lascia non pochi rimpianti all'Arsenal: vittorioso nell'ultimo turno contro il Burnley, Unai Emery rallenta nella rincorsa alle posizioni di vertice raggiungendo quota 38 punti. I padroni di casa salgono invece a 22 punti dalla distanza rassicurante sulla zona salvezza.

Liverpool-Newcastle 4-0

11' Lovren, 47' rig. Salah, 79' Shaqiri, 85' Fabinho

Liverpool (4-2-3-1): Alisson; Alexander-Arnold , Lovren, van Dijk, Robertson (82’ Clyne); Winjnaldum (62’ Fabinho), Henderson; Shaqiri, Firmino (69’ Sturridge), Mané; Salah. All. Klopp

Newcastle (5-3-2): Dubravka; Yedlin, Fernandez, Lascelles, Dummett, Ritchie (80’ Murphy); Hayden, Diamé, Kenedy (73’ Longstaff); Muto, Joselu. All. Benitez

Ottavo successo consecutivo del Liverpool: i padroni di casa soffrono in avvio, ma alla prima occasione buona non falliscono. Il gol, pesantissimo, che all'11' sblocca la partita porta la firma di Dejan Lovren (alla prima rete in campionato). Nel secondo tempo stesso copione: il Liverpool passa sul 2-0 in avvio grazie al solito Salah. A segno su rigore, festeggia il suo 12esimo gol in campionato, il 59esimo con la maglia del Liverpool in 78 partite: sono numeri stratosferici, quelli dell'attaccante egiziano di Klopp. Liverpool sempre più solo in cima alla Premier, attenzione al match che aprirà il 2019: il 3 gennaio c'è Manchester City-Liverpool.

Leicester-Manchester City 2-1

15' Bernardo Silva (MC), 19' Albrighton (L), 81' Pereira (L)

Leicester (4-3-3): Schmeichel; Pereira, Morgan, Maguire, Chilwell; Choudhury (63' Gray), Mendy, Ndidi; Albrighton, Vardy (88' Okazaki), Maddison (78' Simpson). All. Puel

Manchester City (4-3-3): Ederson; Danilo, Stones, Laporte, Delph; De Bruyne (70' Silva), Gundogan, Silva (83' Mahrez); Sterling, Aguero, Sané. All. Guardiola

Ammoniti: Maguire (L), Stones (M), Vardy (L), Aguero (M)

Espulso: Delph (M) all'89'

Comincia bene ma finisce male, anzi malissimo, il boxing day di Guardiola (chiamato al riscatto dopo la sconfitta in casa contro il Crystal Palace): 3 minuti dopo l'1-0 del Liverpool sul Newcastle, il City risponde con la rete di Bernardo Silva. Ma il vantaggio dura solo 5 minuti: al 19' le Foxes pareggiano con Albrighton, che rispedisce i Citizens a 6 punti di distanza dal Liverpool. Nella ripresa il City crolla e scivola addirittura a -7 al terzo posto, superato in classifica dal Tottenham: a 9' dalla fine Pereira mette il proprio sigillo sulla vittoria del Leicester. Come se non bastasse, gli uomini di Guardiola chiudono in 10: espulso Delph.

Tottenham-Bournemouth 5-0

16' Eriksen, 23' e 70' Son, 35' Moura, 60' Kane

Tottenham (4-2-3-1): Lloris; Walker-Peters, Foyth, Alderweireld, Rose; Sissoko, Winks; Moura, Eriksen (84' Davies), Son (88' Llorente); Kane (77' Skip). All. Pochettino

Bournemouth (4-4-1-1): Begovic, Francis (48' Rico), Cook, Aké, Daniels; Brooks (75' King), Surman, Lerma, Fraser; Stanislas; Wilson (67' Mousset). All. Howe

Ammoniti: Lerma (B), Son (T), Winks (T)

Dal 6-2 contro l'Everton al 5-0 contro il Bournemouth: numeri emblematici dell'andamento del Tottenham, dopo 19 turni al 2° posto della Premier League a 6 punti dalla vetta. Non c'è storia contro il Bournemouth: tra i protagonisti della vittoria spicca Son, già a segno due volte nell'ultima giornata.

Manchester United-Huddersfield 3-1

29' Matic (MU), 64' e 78' Pogba (MU), 88' Jorgensen (H)

Manchester United (4-2-3-1): De Gea; Dalot (53' Young), Lindelof, Jones, Shaw; Fred (53' Herrera), Matic; Mata (81' Gomes), Pogba, Lingard; Rashford. All. Solskjaer

Huddersfield (4-2-3-1): Lossl; Durm, Jorgensen, Schindler, Kongolo; Hadergjonaj, Billing; Kachunga (57' Lowe), Pritchard, Mbenza (62' Quaner); Depoitre (73' Mounié). All. Wagner

Ammoniti: Kachunga (H), Fred (M)

Sei punti e 8 gol segnati dall'avvento di Solskjaer: funziona eccome il nuovo Manchester United che, dopo aver travolto il Cardiff, regola pure l'Huddersfield ultimo in classifica ad Old Trafford. A prendersi la scena è Paul Pogba, autore della doppietta decisiva (splendido il provvisorio 3-0) dopo il vantaggio di Matic: un doppio "omaggio" a distanza al nemico Mourinho. Red Devils che fortificano il 6° posto in Premier e preparano l'assalto alle posizioni di vertice.

Burnley-Everton 1-5

2' Mina (E), 13' Digne (E), 22' rig. Sigurdsson (E), 37' Gibson (B), 71' Digne (E), 93' Richarlison (E)

Burnley (5-3-2): Hart; Lowton, Tarkowski, Mee, Gibson (63' McNeil), Taylor; Westwood, Cork, Hendrick (66' Gudmundsson); Vokes (73' Wood), Barnes. All. Dyche

Everton (3-4-2-1): Pickford; Mina, Keane, Zouma; Coleman, Sigurdsson, Gomes (75' Gueye), Digne; Walcott, Bernard (80' Davies); Calvert-Lewin (67' Richarlison). All. Marco Silva

Ammoniti: Sigurdsson (E), Gomes (E), Lowton (B), Gibson (B), Gueye (E), Richarlison (E)

Crystal Palace-Cardiff City 0-0

Crystal Palace (4-4-2): Guaita; Wan-Bissaka, Tomkins, Sakho, van Aanholt; McArthur, Kouyaté, Milivokevic, Meyer; Zaha, Townsend. All. Hodgson

Cardiff (5-4-1): Etheridge; Peltier, Manga, Morrison, Bamba, Bennett; Harris, Camarasa (91' Gunnarsson), Ralls, Hoilett (92' Arter); Reid. All. Warnock

Ammoniti: Bamba (CA), Hoilett (CA), Camarasa (CA)

Fulham-Wolverhampton 1-1

74' Sessegnon (F), 85' Saiss (W)

Fulham (3-4-3): Rico; Odoi, Mawson, Ream; Christie, Chambers, Seri (82' McDonald), Bryan; Kamara (73' Cairney), Mitrovic, Schurrle (66' Sessegnon). All. Ranieri

Wolves (3-4-3): Rui Patricio; Bennett, Coady, Boly; Doherty, Saiss, Moutinho, Castro (82' Vinagre); Traoré (46' Cavaleiro), White (63' Helder Costa), Raul Jimenez. All. Espirito Santo

Ammoniti: Chambers (F), Saiss (W), Christie (F)

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche