Chelsea, Giroud: "Sarri? Non decido io la formazione. Stare in panchina non mi piace, ma non mi arrendo"

Premier League

L'attaccante del Chelsea non è contento delle poche presenze da titolare e il probabile arrivo di Higuain a Londra potrebbe ulteriormente ridurgli lo spazio: "Con Sarri non è stato facile. Ho bisogno di continuità per essere competitivo, ma non mi arrendo e lavoro duramente"

TUTTE LE TRATTATIVE DI CALCIOMERCATO LIVE

CONTE-DIEGO COSTA, UN SMS DA ... 100 MILIONI

L'arrivo nel gennaio dello scorso anno per sostituire il partente Batshuayi e affiancarsi a Morata. Un buon girone di ritorno, condito da tre gol e, soprattutto, le due reti in FA Cup per trascinare il Chelsea in finale e chiudere l'annata con un trofeo. In estate l'indimenticabile gioia Mondiale e poi il ritorno a Londra sotto gli ordini di un nuovo allenatore. Olivier Giroud ha approcciato benissimo la sua nuova avventura ai Blues, ma col passare del tempo ha trovato sempre meno spazio e il probabile arrivo di Higuain alla corte di Sarri è destinato a ridurgli ulteriormente lo spazio. Una situazione che il francese fatica ad accettare: "Non sono io a decidere la formazione iniziale, ma ovviamente ognuno di noi vuole sempre giocare - afferma la punta 32enne a Espn -. Non sono certamente felice di rimanere in panchina, ma tengo la frustrazione per me e cerco di trasformarla in energia positiva per lavorare duro in allenamento". L'attaccante transalpino, infatti, è partito dal primo minuto solo due volte nelle ultime 8 giornate, in cui gli è stato preferito Morata o Hazard nel ruolo di falso nueve, e quella realizzata contro il Tottenham - inutile ai fini del risultato - resta l'unica rete personale di questa Premier. "Ogni volta che gioco dall'inizio provo a portare qualcosa alla squadra, a fare la mia parte, ma di queste 14 partite ne ho giocate forse solo la metà da titolare, quindi è un po' difficile trovare continuità - aggiunge -. Devi giocare qualche partita di seguito per essere competitivo, nell'ultimo mese non è stato affatto semplice". Giroud fa, poi, un passo indietro e racconta il primo periodo con la nuova maglia: "I primi sei mesi sono stati molto buoni - spiega -. Avevo bisogno di lasciare l'Arsenal perché Arsene Wenger voleva giocare con un diverso tipo di attaccante. Il mio tempo ai Gunners era finito e sono stato molto contento di firmare per un grande club come il Chelsea. Mi sono ambientato molto bene, è come se facessi parte di questa squadra da tempo. Mi sono integrato con i compagni, ho giocato un po' di partite e abbiamo vinto la FA Cup. Poi ho avuto l'opportunità di andare alla Coppa del Mondo ed è stato fantastico. Quando sono tornato, invece, è stato un po' diverso: c'era un nuovo allenatore e ho dovuto ricominciare, dimostrargli che sono pronto per giocare in questa squadra. Onestamente è stato un po' difficile, in particolare l'ultimo mese, ma continuerò a lottare per trovare il mio posto".

Ritorno all'Emirates

Il prossimo match del Chelsea è in programma contro l'Arsenal. Un derby a cui difficilmente Higuain riuscirà a partecipare, con Sarri che potrebbe decidere, dunque, di affidarsi a Giroud. "Sarà un momento speciale per me: la prima volta che tornerò all'Emirates da quando mi sono trasferito a Chelsea - conclude il francese -. Non vedo l'ora che si giochi questa partita. Abbiamo bisogno della vittoria per tenerli lontani da noi. Avremo un'opportunità importante per metterli a nove punti di distanza, ma personalmente sarà una sfida speciale. Per i Gunners dimenticare ciò che ha fatto Wenger in tutti questi anni non è facile, ma penso che Emery si sia ambientato bene. I giocatori apprezzano la sua filosofia di gioco e sono abbastanza contenti. Dovranno avere pazienza, ma ciò che è certo è che avranno un futuro roseo".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche