Sarri: "Hazard deve giocare più per la squadra. Voglio cambiare il Chelsea"

Premier League

L'allenatore del Chelsea duro in conferenza stampa: "Hazard è abituato a giocare troppo da solo, ora deve giocare più per la squadra. Ho detto che c'è un problema mentale, non so da cosa dipenda questo. Ma non voglio rinunciare al mio calcio: sono un sognatore e voglio cambiare il Chelsea. Higuain? Non è al top della forma"

PREMIER LEAGUE, IL PROGRAMMA DELLA 25^ GIORNATA

SARRI: "NON RIESCO A MOTIVARE I MIEI GIOCATORI"

PREMIER LEAGUE, CHELSEA KO: I RISULTATI DELLA 24^ GIORNATA

Non è un momento semplice per Maurizio Sarri, chiamato a riscattare il pesante 4-0 subito nell'ultima partita contro il Bournemouth. La prima occasione di rivincita ci sarà a Stamford Bridge contro l'Huddersfield Town, ultimo in classifica in Premier League con appena 11 punti. "Non ho attaccato i giocatori, ho parlato con loro perché avevo bisogno di capire – ha dichiarato l'ex Napoli in conferenza stampa - Poi sono andato a casa immediatamente perché volevo rivedere la partita, non c'era un altro motivo. Non sono in grado di motivarli, ho detto questo. Ma se abbiamo qualche problema mentale, allora penso che la ragione potrebbe riguardare i giocatori o lo staff tecnico. Sono un sognatore, voglio giocare il mio calcio e voglio cambiare il Chelsea”. E in questi giorni si è parlato molto anche del rapporto con Hazard: "Penso che stia cambiando. Era abituato a giocare da solo, ma ora deve giocare più per la squadra. Non è facile per lui, è diventato Hazard in un altro modo. Ma ora vedo che è più disponibile a giocare come dico io. È fantastico dal punto di vista tecnico e penso che possa fare di più tatticamente. Non è facile giocare così, abbiamo molti giocatori singoli, come Hazard, Pedro, Willian, quindi non è facile per l'attaccante muoversi nel momento giusto".

"Voglio che la squadra giochi il mio calcio"

Sui problemi tattici aggiunge: "Penso che il mio calcio sia una cooperazione, quindi ho bisogno di parlare con i miei giocatori e coinvolgerli più di quello che sto facendo in questo momento. Dobbiamo migliorare la fase offensiva e giocare di più da squadra. Nell'ultima partita abbiamo costruito bene l'azione nel primo tempo, ma poi eravamo troppo stretti con i giocatori offensivi, quindi era facile per gli avversari difendere. Ho bisogno di cambiare completamente la mentalità, ci sto provando. Voglio segnare e avere la reazione giusta se concediamo un gol. Dobbiamo ricominciare ad avere il controllo delle partite. Per prima cosa voglio fare bene il piano A, non voglio cambiare quel che non funziona ma imparare a farlo. Dieci anni fa tutti parlavano del Barcellona perché giocava il suo calcio e io voglio giocare il mio calcio".

"Higuain non è al top dal punto di vista fisico"

Su Higuain e Jorginho, infine: "Gonzalo al momento non è fisicamente al top perché in 45 giorni ha giocato poche partite a causa della sua schiena e del mercato. Deve migliorare fisicamente, allora sarà utile per noi immediatamente. Jorginho? Dipende cosa vogliamo da lui. Se è l'ultimo passaggio, non è una cosa giusta. Di solito gioca 40 o 45 metri dalla porta, quindi è impossibile a fare l'ultimo passaggio. È molto bravo in altre cose".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche