Manchester United, Mourinho contro Pogba: "Sua eccellenza voleva andarsene in Rolls Royce"

Premier League

Lo Special One svela un altro retroscena sul complicato rapporto con Pogba, uno dei motivi (se non il motivo principale) che lo hanno portato all'addio dal Manchester United: "Dopo una trasferta non lontana da Manchester preferì tornarsene in Rolls Royce invece che con la squadra in pullman"

SLIDING DOORS SOLSKJAER: DALLA LOTTA GRECO-ROMANA ALLO UTD

POGBA: "REAL MADRID UN SOGNO PER TUTTI"

IBRA: "MOURINHO DISSE CHE DOVEVO VERGOGNARMI"

A distanza di mesi dall'addio al Manchester United, José Mourinho torna a parlare di quella che probabilmente è stata la causa scatenante del divorzio con i Red Devils, oltre che agli scarsi risultati: il rapporto - burrascoso - con Paul Pogba. Lo Special One ha rivelato un retroscena su una delle liti avute con la stella francese, che col tempo hanno logorato il rapporto. L'episodio in questione risale ad una trasferta, dopo la quale Pogba si sarebbe rifiutato di tornare insieme alla squadra: "Giocavamo una partita non lontano da Manchester, a circa 30 km - ha detto Mourinho al Daily Mail -  e un giocatore (Mourinho non fa il nome ma è chiaro il riferimento a Pogba, ndr) mi chiese di tornare a Manchester per conto suo e non in pullman con la squadra. Gli dissi che se fossimo stati a Londra avrebbe avuto senso, ma visto che eravamo vicini era un altro conto".

"Sua eccellenza voleva tornare in Rolls Royce"

Il racconto di Mou prosegue, con toni che ha imparato a far conoscere: "Lui ha insistito e dopo aver vinto la partita me l'ha chiesto nuovamente. Io ero felice per la vittoria e ho ceduto, ma gli ho detto almeno di salire sul pullman e di dire al suo autista di riprenderlo a 10 Km dallo stadio. Dopo questa risposta non era felice per niente nello spogliatoio, e dopo esser tornato dalla conferenza stampa verso il bus, è apparso lui in una Rolls Royce col suo autista. Visto che la macchina era nuova, sua eccellenza se ne voleva andare in Rolls Royce, che ci potevo fare?". Un gesto che Mourinho interpretò come una mancanza di rispetto verso l'allenatore e il gruppo, una delle tante situazioni che alla fine crearono una tensione ormai insostenibile.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche