Salah, polemica con la federcalcio egiziana: "Poca sicurezza"

Premier League

Il giocatore del Liverpool ha parlato del suo rapporto con la nazionale egiziana: "Amo il mio paese, voglio un esempio per i bambini. Ritirarmi dalla nazionale? Sarebbe una cosa molto grossa"

INSULTI RAZZISTI PER POGBA, I COMPAGNI LO DIFENDONO

SOLSKJAER: "RIGORE POGBA? DECIDONO LUI E RASHFORD"

Mohamed Salah è il volto del Liverpool e della nazionale egiziana. L’ex calciatore della Roma si è raccontato in un’intervista rilasciata alla CNN, parlando del suo rapporto nelle squadre di appartenenza: "In Inghilterra sono felice, a Liverpool sto bene. I tifosi mi amano e io li adoro, questo mi fa stare bene nel club". Un forte sentimento lo lega anche all’Egitto, il suo paese d’origine: "Amo la mia nazione dal profondo del cuore, ce l’ho sempre nei miei pensieri ed è qualcosa che mi ha fatto dare di più nelle mie prestazioni, quella voglia di voler essere un modello per i bambini. Voglio essere quella persona, ritirarmi dalla nazionale sarebbe una cosa molto grossa". Un’affermazione, quest’ultima, che si lega alle presunte ruggini tra Salah e la federazione egiziana. In particolare, il giocatore ha contestato le scarse misure di sicurezza in occasione della Coppa d’Africa.

La risposta del presidente federale

Ad ogni modo, alla stessa testata britannica, è arrivata la risposta del presidente della federcalcio egiziana Shobair: "Sono delle accuse che Salah aveva già sentito al Mondiale, si parla delle stesse cose. Ma il ritiro per la Coppa d’Africa così come fu per il Mondiale si è rivelato decisamente disciplinato".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche