I cinesi siamo noi: il primo "no" arrivò da Icardi

Serie A

Alfredo Corallo

inter_zhang_icardi_pioli_buona_2_twitter

Dopo il "rifiuto" del capitano interista all'offerta del Tianjin Quanjian di Fabio Cannavaro è arrivato anche quello di Kalinic, che ha scelto di rimanere a Firenze e, dunque, in serie A, che torna decisamente di moda. E la battuta di Antonio Cassano è da commedia all'italiana: "E che ci vado a fare là?"

"Steven, figlio mio, stanotte ho avuto un terribile incubo: i cinesi venivano a Milano e ci portavano via Icardi. I cinesi, capisci?!". "Daddy, rilassati. Il Mauro l'è un bravo fioeu. E poi guarda che i cinesi siamo noi, sveglia...". Sono trascorsi pochi giorni dalla "grande paura" di perdere il loro campione - abbiamo provato a immaginare il risveglio di Mr Zhang e del rampollo di casa Suning in versione "bauscia" - e il "no" dell'accoppiata Wanda-Maurito al Tianjin Quanjian di Fabio Cannavaro sembra avere lanciato una moda, direttamente dalla capitale del fashion: anche Nicola Kalinic ha scelto di rimanere alla Fiorentina (rifiutando un contratto da 12 milioni di euro netti a stagione per i prossimi tre anni) e in Inghilterra Dimitri Payet ha fatto lo stesso con l'Hebei China Fortune (che avrebbe sborsato 500mila sterline a settimana per il francese).

"I soldi non sono tutto nella vita". Ma i due "no" di Icardi e Kalinic - che ci interessano più da vicino - denotano un segnale importante, sulla scia di quanto aveva dichiarato Jorge Mendez al nostro Alessandro Alciato durante i Globe Soccer Awards a proposito dei 100 milioni (e passa) offerti al suo assistito Cristiano Ronaldo: "I soldi non sono tutto nella vita". E a rendersene (finalmente) conto è stata anche la stessa Federcalcio di Pechino con la nuova regolamentazione, che - se applicata - limiterebbe di fatto gli investimenti "folli" dei club sul calciomercato. Il più clamoroso quello per Carlitos Tevez - accolto come un re a Shanghai - che guadagnerà circa 38 milioni di euro all'anno (quasi 78 euro al minuto), diventando il calciatore più pagato di sempre.

Una foto pubblicata da Carlos Tevez (@tevezoficial) in data:

Totò e Cassano a Pechino. Uno come Antonio Cassano, ancora oggi, a 34 anni "suonati", in Cina impiegherebbe due secondi a diventare un idolo (potrebbe farlo tranquillamente anche in serie A, ha appena rifiutato le avances del Palermo). Ma nella vita c'è un tempo per tutte le cose, e per il talento barese - che attende con fiducia la risoluzione del contratto con la Sampdoria - la moglie e i figli rappresentano il suo autentico tesoro. E a questo proposito ieri ci ha regalato una battuta degna della migliore commedia all'italiana: "Andare in Cina? E che ci vado a fare là?".

🌰 #imieicercatori #castagne #boschi #montagna #natura #lamiafamiglia #amovoi ❤️

Una foto pubblicata da CAROLINA MARCIALIS 👣 (@carolinamarcialis) in data:

Ma i cinesi, non eravamo noi? Ecco, un "assist" dovrebbe arrivare anche dai calciatori. Perché le "colpe" - nel caso di un'eventuale cessione pesante - non potranno poi essere addossate esclusivamente al magnate di turno. Sono pur sempre uomini d'affari, e non potremmo biasimarli di fronte alla famigerata offerta "monstre". Inoltre, sarebbe anacronistico parlare di paradosso, di un corto circuito geopolitico, se "i cinesi" venissero a fare shopping a Milano "dai cinesi". Insomma, alla fine a rimanere "fregati" sarebbero soltanto i tifosi. Steven potrebbe chiamarsi tranquillamente Stefano e una "crisetta" d'identità sarebbe legittima anche per lui, che non è nato a Nanchino ma a Sesto San Giovanni, che ormai l'è l'istess. "Ma come, dovevamo conquistare il mondo e adesso vendiamo i campioni? E poi a chi, alla Cina? Ma i cinesi, non eravamo noi?".

 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche