Juve: Bonucci accusa, Chiello: "Manca un Pogba"

Serie A
Leonardo Bonucci esce dal campo sconsolato dopo la sconfitta della Juventus contro la Fiorentina (Getty)

Problemi tattici e di atteggiamento hanno condannato i bianconeri alla quarta sconfitta in questo campionato. "E’ mancata intensità", dice il difensore; "Paul era il LeBron del calcio, faceva la differenza" aggiunge il compagno. E intanto Roma, Napoli e Lazio - prossima avversaria allo Stadium - si avvicinano

"Fame, palle, intensità. Loro sì e noi no. Zero Alibi. Poche chiacchiere. Solo così possiamo arrivare in fondo per raggiungere i nostri obiettivi". Poche parole ma ben chiare quelle di Leonardo Bonucci su instagram dopo il ko della sua Juventus contro la Fiorentina, la quarta dopo quelle contro Inter, Milan e Genoa. Quattro sconfitte fuori casa a cui si può aggiungere anche la partita di Doha che, è vero, alla fine è stata persa ai rigori, ma per tanti aspetti ha mostrato le stesse problematiche viste a San Siro - in due occasioni - a Genova e ieri, a Firenze. Ancora una volta sono venuti fuori problemi tattici e soprattutto caratteriali e nel post gara Allegri come altri componenti della rosa (Chiellini su tutti) ha parlato di una partita che potrà "servire da lezione". Le sconfitte insegnano, vero, ma le tre precedenti non hanno poi migliorato la situazione se si pensa che contro la Fiorentina a mancare dal primo minuto è stato ancora l’atteggiamento battagliero, la voglia di portare a casa il match.


Problemi caratteriali - Al Franchi la Juventus si è mostrata debole a livello mentale, per un tempo intero è stata dominata da un’ottima Fiorentina. La squadra di Paulo Sousa ha capito che quella di Allegri era vulnerabile e non ha perso occasione per approfittarne. I bianconeri con la loro sufficienza sono andati subito in difficoltà e non hanno reagito praticamente fino al secondo gol di Badelj. Limiti che si erano manifestati anche in Coppa Italia contro l’Atalanta, con Dybala e compagni che erano riusciti a strappare la vittoria arrancando nel finale e permettendo per due volte ai nerazzurri di rientrare in un match già chiuso. Male mentalmente, altrettanto tatticamente. Il ritrovato 3-5-2 scelto da Allegri ha fatto risaltare i problemi di una squadra limitata in tutti i reparti. La centesima partita della BBC non verrà ricordata con piacere dai tifosi della Juventus, le esclusioni di Rugani e Pjanic (risentimento muscolare) hanno sconvolto quegli equilibri che a fatica i bianconeri avevano trovato.

Centrocampo indebolito -
Se la difesa ha dato segnali preoccupanti e l’attacco non ha espresso tutto il suo potenziale, il centrocampo è stato dominato dagli avversari: la Fiorentina ha toccato 181 palloni guidata da un ritrovato Borja Valero assoluto padrone di tutta la metà campo; la Juventus appena 85. I bianconeri dovevano "andare a comandare" ma hanno giocato in modo supponente e sono stati messi sotto sia tatticamente che caratterialmente. Marchisio, Khedira e Sturaro non sono riusciti ad imporre il loro gioco e la scarsa capacità di contenere i viola ha portato i bianconeri a subire 17 tiri in porta (record negativo di questo campionato). "Nella serie positiva dello scorso anno raramente Buffon si sporcava i guanti - ha dichiarato Chiellini nel post gara - abbiamo cambiato dei giocatori e oggi siamo una squadra come le altre. Noi non siamo abituati a perdere e in più abbiamo perso un giocatore come Pogba che era il LeBron James del calcio; anche quando non si vedeva era impressionante".

Intanto Pogba a Manchester... - Un’assenza pesante quella del francese, che in estate si è aggiunta a quelle di Pirlo e Vidal e ha finito per indebolire un centrocampo oggi molto diverso da quello che aveva portato la Juve in finale di Champions a Berlino. Curioso anche che Chiellini parli dell’importanza dell’ex centrocampista numero 10 proprio mentre a Manchester Pogba gioca una delle sue peggiori partite della stagione: contro il Liverpool ha regalato un rigore ai Reds e poi ha anche rischiato di lasciare la squadra in dieci per un intervento senza senso su Jordan Henderson. Di certo c’è che il centrocampo bianconero negli anni ha fatto passi indietro, se la difesa ha già subito 16 gol in 19 partite molto dipende anche dal filtro che spesso a metà campo manca. Le geometrie sbagliate e un gioco che latita, poi, fanno il resto.

Nervosismo Allegri - Anche nella scorsa stagione, in un inizio di annata complicatissimo, erano arrivate quattro sconfitte - cinque totali a fine anno se si conta anche quella di Verona a scudetto già conquistato. Ma da fine ottobre i bianconeri avevano trovato 25 vittorie e un solo pareggio che avevano permesso loro di scalare la classifica e vincere il quinto titolo consecutivo. La gara di Firenze offre ad Allegri tanti spunti su cui lavorare: dopo la sfuriata di Doha - in cui aveva sottolineato proprio le carenze caratteriali e la mancata cattiveria dei suoi - l’allenatore ha perso anche contro quel Paulo Sousa che (si dice) a fine anno potrebbe sostituirlo proprio sulla panchina bianconera. Quelle di un possibile cambio di guida alla Juventus al momento sono solo voci, ma dopo la Supercoppa è arrivato un altro ko: anche senza Pogba, Allegri e i suoi devono ritrovare equilibri, meccanismi e soprattutto fame e cattiveria. Quella rabia mostrata dall'allenatore nel faccia a faccia col quarto uomo Di Liberatore, diventata l'immagine del giorno dopo.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport