Milan, Gattuso: "Esperienza? Ho già oltre 100 gare in panchina alle spalle"

Serie A
Gennato Gattuso, nuovo allenatore del Milan

Primo allenamento alla guida del gruppo rossonero per Rino Gattuso in vista della trasferta di Benevento. Il nuovo allenatore del Milan si è presentato poi in conferenza stampa insieme a Mirabelli e Fassone

ESONERO MONTELLALA SCELTA REAZIONI L'OPINIONE DI MARANI - MONTELLA-MILAN: STORIA TATTICA - MONTELLA STORY - GATTUSO, IL SUCCESSORE - VIDEO

L’annuncio arrivato nella giornata di ieri, Rino Gattuso è ufficialmente il nuovo allenatore del Milan: sarà lui l’uomo chiamato a provare a riportare i rossoneri in alto dopo l'esonero di Vincenzo Montella. Trasferta di Benevento da iniziare a preparare fin da subito nel migliore dei modi, con Rino Gattuso che torna subito in campo nel suo primo vero giorno di lavoro: fischietto in bocca e primo allenamento alla guida della squadra al centro sportivo di Milanello, prime idee da provare a trasferire al gruppo rossonero. Missione Benevento, dunque, già iniziata. Ma per Gattuso, quella di oggi, è anche la giornata della presentazione a stampa e tifosi.

Difesa a tre e verticalizzazioni

"È un giorno importante, ho una grandissima responsabilità ed un lavoro duro, ma è un piacere allenare questa squadra" le prime parole di Gattuso. "In questo momento non stanno attraversando un grandissimo momento, ma le preoccupazioni più grandi sono state a Creta senza società e Pisa senza presidente. Qui c’è tutto per lavorare bene, a volte mi fate ridere perché quando sei giovane devi fare esperienza: sembra che in questi anni ho allenato gli esordienti, ma ho 100 e passa panchine alle spalle. Poi sta a me mostrare i risultati, ma la consapevolezza di fare bene da parte mia c’è. Ho il mio modo di vedere il lavoro, sicuramente giocheremo con una difesa a 3 ma giocheremo di reparto, dovremo lavorare sui concetti di tempo e spazio. Con Vincenzo ho avuto un bel rapporto, sempre onesto anche con il suo staff: sui concetti vedo il calcio in maniera diversa. Vincenzo ama il palleggio, come lo amo anche io, ma dopo un po’ dobbiamo andare a verticalizzare e creare qualche pericolo negli ultimi metri. Il gruppo per me è importante, ma ci sono anche tante altre persone che possono fare danni come la grandine, il segreto è anche vedere chi sta a contatto con i giocatori. Volevo completare il lavoro con la Primavera: uno dei problemi che non ho mai avuto è la costruzione dei gruppi, partita dopo partita vedevo una squadra convinta, che poteva fare male, ma ringrazio per quello che mi hanno dato. Provo le stesse emozioni che provavo quando giocavo: quando supero questo cancello a Milanello per me è un paradiso, ho l’imbarazzo della scelta nei campi, nelle strutture, la società non ha problemi. C’è solo bisogno di passione, di amare il lavoro, c’è grande adrenalina e per me il sogno continua, è un piacere allenare qui".

"Non guardo la classifica"

Gattuso poi si concentra sul prossimo match che vedrà il Milan opposto al Benevento, unica squadra ancora a zero punti in classifica: "Non guardo la classifica oggi, devo pensare al Benevento come se fosse la finale di Coppa del Mondo, pensando che dopo aver vinto la partita abbiamo in mano la Champions. C’è bisogno di cambiare, di una consapevolezza maggiore: se non stai bene mentalmente, fisicamente, a 360º a San Siro la palla scotta e pesa, la priorità oggi è dare qualcosa in più dal punto di vista mentale. Mi sembra riduttivo parlare del Rino Gattuso calciatore. C’è grinta e cuore, sì, ma son passato a Coverciano, non mi hanno regalato il patentino e ho studiato, si sono visti tanti cambiamenti. Le partite non si preparano così, ci vuole conoscenza: la chiave sono le foto appese in giro a Milanello, la forza della storia, ciò che negli ultimi anni si è perso. Non bisogna dimenticare la storia di questa società, bisogna avere un grande senso di appartenenza e ripartire da là. Ci vogliono condizione fisica e preparazione dal punto di vista tattico. Difesa a 3? Sì, per i 3 davanti poi vediamo: abbiamo caratteristiche precise, vedremo partita dopo partita. Berlusconi? Lo conosco abbastanza bene, mi è capitato tantissime volte di parlarci: parlo con il mio presidente, uno dei più vincenti della storia, conoscitore di calcio. L’ho ascoltato, non ho fatto finta, l’ho fatto con grande attenzione e rispetto per quello che ha fatto al Milan. Yonghong Li non parla inglese, in questi giorni ci scambieremo un po’ di parole. In calabrese purtroppo non parla. Partite facili sulla carta non ce ne sono: bisogna farsi trovare pronti fisicamente e mentalmente, migliorando i nostri concetti".

"La prevenzione non mi dà fastidio"

Una carriera fatta di scelte difficili, Gattuso le ripercorre passo passo: "Ho preso tante legnate, ho messo in difficoltà tante persone che hanno lavorato con me e che hanno famiglia, senza stipendi: dall’Ofi Creta, dove quando hai figli e non ti pagano vai in difficoltà, al Pisa. Siamo durati, con grande sofferenza e passione. Ho apprezzato, si ragionava però a livello dilettantistico: a volte me lo sono chiesto, chi me lo fa fare? Ma è stata la passione, le persone che avevo attorno. Se non tocchi con mano le cose che hai in testa, e non le provi, bisogna mettere tutto in pratica. Rino è questo, dopo 4 anni è andato in giro per Italia ed Europa per migliorare concetti e nuovo lavoro. La prevenzione nei miei confronti? Non mi dà fastidio, dopo 3 partite in carriera mi davano dello scarpone: la fortuna l’ho cercata con lavoro e con caparbietà, sapevo il mio e ciò che dovevo fare. È durata 18 anni questa storia, ora non leggo più i giornali perché voglio stare tranquillo: voglio avere consapevolezza e forza nel lavoro quotidiano. Chi mi conosce sa che non sono un calcolatore: voglio vivere la mia vita sempre da protagonista. Sono in uno dei club più grandi al mondo, nessuna paura di bruciarmi. Vado in ospedale quando la testa me la spacco, non prima. Mal di gol nel Milan? La mia storia dice che ne facciamo pochi, ci lavoriamo, codificando 3-4 giocate: ma credo sia un problema generale, con il Torino ho visto una squadra che ha creato, portando qualcosa di nuovo. Quando si arriva e si sbaglia ci sta, ma l’importante è arrivarci. La squadra giocherà sugli 11 giocatori che ha: André Silva ha grandissime qualità, è uno che se lo proponi sul mercato te lo comprano domattina. Tante volte fa ottime cose quando va da solo, quando taglia in profondità: bisogna metterlo in condizione di farlo giocare con la squadra. Difficilmente fa un 1-2 andando in profondità".

Bonucci capitano

Gattuso conferma poi la fascia a Bonucci: "Non aspettatevi nulla, il capitano era e rimarrà lui. Ho parlato con una delegazione della squadra e hanno grandissima voglia di lavorare, mettersi a disposizione. Gli ho chiesto solo senso di appartenenza e disciplina, il resto lo voglio vedere in campo. Non mi importa se un mio giocatore non esca con tizio o caio: tante volte mi è capitato di non avere buoni rapporti con compagni ma in campo mettevo sempre la gamba per un mio compagno, buttandomi nel fuoco. Io valuto il lavoro in settimana, Cutrone sembra un tarantolato, non si ferma mai. Ma parte alla pari con Kalinić e André Silva. Sento dire che Suso può giocare tante volte largo a destra, ma può fare più cose: mi incuriosisce. Vincere qualcosa quest’anno? In Europa League siamo al prossimo turno, in Coppa Italia giocheremo gli ottavi. Questa maglia e questa società hanno un peso, non lo dimentico: tra vittoria e sconfitta c’è una grandissima differenza, quando si perde il sedere deve bruciare. Traghettatore? Potevo pensarlo se ci fossero state 4-5 partite, ma ne mancano 24. Perché dovrei sentirmi così? So di non piacere a tutti, so quali doti e forze ho. Mi definisco come uno che tante volte deve imparare a contare, che vive molto le partite e che si sente vivo. Quando scendo in campo per una partita sento lo stesso formicolio di quando giocavo".

Fassone: "Gattuso non è un tappabuchi"

"Ci tengo a dire tre riflessioni per introdurre questa giornata, di particolare importanza per noi. Su Montella ho letto, sentito parlare di fulmine a ciel sereno, ma è evidente che il cielo sopra Milanello ora non lo sia. La stagione è nata male, questa è la ragione per cui con molta amarezza ho preso questa decisione, per il rapporto che si è creato tra me, Vincenzo e Mirabelli in questi mesi: a Vincenzo non posso che dire grazie per ciò che ha fatto in questi mesi di lavoro, conquistando un trofeo e riconquistando l’Europa League. C’è soltanto un ringraziamento da parte mia: se ci sono stati errori ci sono stati da parte di tutti. Si è persa un’opportunità e speriamo che il nuovo capitolo sia migliore. Mirabelli ha la totale fiducia mia e della proprietà, ha responsabilità tecniche ampie e non abbiamo intenzione di andare sul mercato a gennaio: siamo convinti che questa squadra non vada rinforzata a gennaio. Sappiamo cosa c’è che non ha funzionato, siamo intervenuti e stiamo intervenendo per risolverle. Oltre al benvenuto formale per Rino, dato anche dal presidente con un abbraccio da Guangzhou, la scelta di Rino non è stata un tappabuchi, ma la scelta più giusta da fare in questo momento: Gattuso conosce queste stanze, questo spogliatoio e in questi mesi con la Primavera ha raggiunto risultati considerevoli. Mirabelli mi aggiorna tutti i giorni: è una scelta voluta, da un lato ha entusiasmo e passione nell’aver accettato il ruolo. Dall’altro l’umiltà mostrata nel porsi nei nostri confronti, è una scelta fortemente voluta e non posso che fargli l’in bocca al lupo più grande. Guardiamo al futuro con ottimismo e tireremo le somme: nel parlare alla squadra abbiamo ricordato che restano 24 partite per arrivare a fine stagione".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche