Juventus, Douglas Costa e Cuadrado sono le armi di Allegri per lo scudetto

Serie A

L'allenatore della Juventus vuole affidarsi ai suoi due esterni offensivi per andare a caccia del 7° scudetto e superare gli ultimi quattro ostacoli, a partire dall'Inter. Finora sono arrivati 7 gol e 13 assist dai due, ma in poche occasioni Allegri li ha avuti a disposizione entrambi nello stesso momento

LE 12 VOLTE IN CUI INTER-JUVE È STATA DECISIVA

SPALLETTI-ALLEGRI, UN EQUILIBRIO PERFETTO: LO SPERA ANCHE SARRI

La stagione della Juventus si è improvvisamente complicata nell'ultima settimana. Da un ipotetico +9 la squadra di Allegri si è ritrovata con un solo punto di vantaggio rispetto al Napoli e ora sarà chiamata a difenderlo anche di fronte a trasferte dure, come la prossima in casa dell'Inter o come la successiva all'Olimpico di Roma. Il pareggio di Crotone e la conseguente sconfitta interna contro la formazione di Sarri è stata dovuta in particolare alla scarsa incisività sotto porta. Con Dybala, Higuain e Mandzukic reduci non certo dal miglior periodo della loro carriera, Max Allegri si è affidato tanto all'imprevedibilità e alla corsa dei suoi esterni offensivi, Douglas Costa e Cuadrado. Nessuno dei due ha disputato tutti e 90 minuti contro il Napoli, mentre insieme hanno giocato poco più di metà tempo. Entrambi, come del resto tutta la squadra, non hanno brillato particolarmente e non sono riusciti a evitare il ko finale. Sia l'ex Bayern che il colombiano sono state comunque armi importantissime in questa stagione per l'allenatore bianconero. Non tanto in termini di realizzazioni, ma per tutti i decisivi assist effettuati verso i compagni e in generale per la rilevanza avuta nel gioco bianconero. Douglas Costa e Cuadrado hanno infatti risposto presente sia quando Allegri ha preferito appoggiarsi sul 4-2-3-1, sia quando ha adottato il 4-3-3, con i movimenti degli esterni decisivi anche nel liberare al tiro i propri compagni, non mostrando mai segni di sofferenza o disagio nel cambio di modulo.

Nonostante l'alto rendimento garantito da entrambi, il mister toscano ha potuto contare poche volte sulla disponibilità di entrambi contemporaneamente. Cuadrado infatti è stato una pedina importante per la prima parte di stagione bianconera, prima che la pubalgia lo bloccasse con l'inizio dell'anno nuovo e lo costringesse a restare fuori per 3 mesi. Il suo ritorno è poi coinciso con la sfida al Milan, in cui è stata propria una sua rete a regalare i tre punti alla Juve. In totale l'ex esterno di Fiorentina e Chelsea è sceso in campo 19 volte in questa stagione di Serie A, di cui 13 da titolare. Nei 1195 minuti accumulati è andato a segno in quattro occasioni - e i bianconeri hanno sempre vinto - fornendo anche cinque passaggi decisivi per la media di uno ogni 239 minuti. Douglas Costa invece, come capitato a quasi tutti i grandi acquisti passati sotto la gestione Allegri, è andato a diesel, ovvero crescendo e trovando sempre maggiore spazio con il trascorrere delle giornate. Dopo un utilizzo al contagocce per le prime 13 giornate, si è preso definitivamente la maglia da titolare a partire dalla gara d'andata contro il Crotone e da quel momento è stato il motore inesauribile della formazione juventina collezionando, fino ad ora, 27 presenze in campionato di cui 16 dal primo minuto. In 1570 minuti giocati ha realizzato solo 3 gol, contribuendo però con ben 8 assist per i compagni, vale a dire uno ogni 196 giri di orologio. Il brasiliano al momento è probabilmente il giocatore offensivo più in forma della Juventus, per cui le sue percussioni, unite a quelle di Cuadrado, saranno la chiave che utilizzerà Allegri per battere anche le resistenze dell'Inter e spedire i bianconeri verso la conquista del 7° scudetto consecutivo.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.