Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
user
21 ottobre 2018

Inter-Milan 1-0, gol e highlights: la decide Icardi al 92'

print-icon

Incredibile epilogo nel 198esimo derby di Milano. Quando tutto lasciava presagire a un pareggio, ecco il gol di testa di Icardi su un grave errore di Donnarumma che calcola male il cross dalla destra di Vecino. Partita molto combattutta ed equilibrata nel primo tempo, decisamente più brutta nella ripresa, ma comunque giocata meglio dai nerazzurri

INTER-MILAN 1-0, DECIDE ICARDI AL 92' - LE FOTO PIU' BELLE DEL DERBY

L'INFORTUNIO DI NAINGGOLAN - LE PAROLE DI ICARDI

INTER-MILAN 1-0

92' Icardi

Inter (4-2-3-1): Handanovic; Vrsaljko, de Vrij, Skriniar, Asamoah; Vecino, Brozovic; Politano (82' Candreva), Nainggolan (30' Borja Valero), Perisic (70' Keita); Icardi. Allenatore: Luciano Spalletti.

Milan (4-3-3): Donnarumma; Calabria (92' Abate), Musacchio, Romagnoli, Rodriguez; Kessié (84' Bakayoko), Biglia, Bonaventura; Suso, Higuain, Calhanoglu (74' Cutrone). Allenatore: Gennaro Gattuso

Ammoniti: Biglia, Calhanoglu, Calabria, Suso

E alla fine, quasi sempre, vince l'Inter. Soprattutto se si parte dalla fine, quella che sta diventando una piacevole abitudine per la squadra di Spalletti, dura a morire come non mai. Già sette i gol segnati in questo campionato negli ultimi 15 minuti di gioco, proprio come le vittorie tutte in fila messe insieme dai nerazzurri. Che stappano il derby proprio all'ultimo respiro con un colpo di testa di Icardi, aiutato dalle errate valutazioni di Donnarumma e Musacchio sul cross di Vecino, e tornano a casa dalla notte di San Siro con quell’innesto di entusiasmo che solo un derby vinto in questo modo può dare.

Gode il popolo interista, esulta come un pazzo Maurito, svelto ad andarsi a prendere dalla sua Wanda l’abbraccio più dolce (con tanto di bacio), impazzisce di gioia Spalletti che corre sotto la curva e si cuce addosso definitivamente quel biscione nerazzurro sbandierato con tanto orgoglio nello striscione esposto in curva Nord prima della partita. Anche perché la vittoria è arrivata proprio all’ultimo respiro (“Ancora più bello in questo modo”, ha detto Maurito a fine gara) ma l’Inter l’ha cercata sin dalle prime scorribande. Provando a chiudere le fonti di gioco del Milan, schiacciando i difensori rossoneri nella propria metà campo ogni volta che questi entravano in possesso palla, asfissiando le geometrie di Suso e Calhanoglu, pedine decisive per lo sviluppo del gioco della squadra di Gattuso.

E così è successo che Higuain (appena dieci passaggi e solo due conclusioni, entrambe respinte) non sia praticamente mai entrato in partita e che Handanovic si sia dovuto sporcare i guantoni solo su qualche timida conclusione dalla distanza. Il tutto senza l’apporto di Nainggolan, uscito alla mezz’ora del primo tempo dopo una lotta argentino-belga ingaggiata con Biglia che ha animato la partita e infilato nel calderone di San Siro quell’agonismo che sempre molto bene si lega a una stracittadina. L’episodio incriminato poco prima del 30’, quando il belga, per difendersi da un intervento di Biglia in mezzo al campo, ha allargato il suo piedone centrando in pieno l’argentino ma rimanendo con la caviglia sinistra bloccata sotto l’arto del collega argentino. Risultato: Nainggolan troncato in due, per citare Spalletti (il belga rischia di stare lontano dai campi per diverso tempo) e ingresso in campo di Borja Valero, che dal cassetto della propria sapienza calcistica è riuscito a tirare fuori una partita che forse in pochi credevano potesse ancora giocare. Poi la perfezione di Skriniar e de Vrij (allo stesso livello anche la prestazione di Romagnoli dall’altra parte), la qualità della spinta sulla fascia di Vrsaljko, l’estro di Politano e soprattutto la garra charrua di Vecino, migliore in campo insieme al bomberissimo nerazzurro. Che dopo la tripletta da sogno dell’anno scorso è tornato a far godere i suoi tifosi nel derby anche nel primo appuntamento di questa stagione. Perché vincere è importante, ma farlo in questo modo, ovvero proprio all’ultimo, è anche meglio. E sempre più da Inter.

23:50 21 ott
23:00 21 ott
22:59 21 ott
22:59 21 ott
22:59 21 ott
22:59 21 ott
ICARDI NEL POST PARTITA
Che serenità mentale vi da’ questo risultato in vista del Barcellona?
Sappiamo le potenzialità che abbiamo e che siamo una squadra forte, ce la possiamo giocare con chiunque e quello che abbiamo fatto oggi dobbiamo continuare a farlo da qui in avanti.
22:59 21 ott
Che serenità mentale vi da’ questo risultato in vista del Barcellona?
Sappiamo le potenzialità che abbiamo e che siamo una squadra forte, ce la possiamo giocare con chiunque e quello che abbiamo fatto oggi dobbiamo continuare a farlo da qui in avanti.
22:58 21 ott
ICARDI NEL POST PARTITA
Il terzo posto è il livello dell’Inter? O potete ambire anche a Napoli e Juventus?
Il nostro obiettivo è dare continuità, poi a fine anno valuteremo cosa saremo riusciti a prendere da questa stagione, però adesso bisogna continuare con i risultati e fare bene.
22:58 21 ott
ICARDI NEL POST PARTITA
Questi tre punti che consapevolezza vi danno?
La consapevolezza che dobbiamo continuare così. Prima di andare in Nazionale avevo detto che all’Inter bisogna vincere. Dovevamo vincere per tutto questo ambiente, per questa gente che oggi ha fatto il pieno qua a San Siro e poi per noi, per la squadra. Dobbiamo abituarci a vincere con continuità, a dare continuità a quello che facciamo e sicuramente ci toglieremo delle soddisfazioni.
22:58 21 ott
ICARDI NEL POST PARTITA
Vincere il derby così che significato ha?
Il derby bisogna vincerlo, lo abbiamo ripetuto tutta la settimana. Dovevamo vincere. Abbiamo creato tantissimo, abbiamo fatto un gol in fuorigioco, abbiamo preso un palo, abbiamo calciato in porta. E’ stata una partita che meritavamo di vincere per quello che abbiamo creato e se poi la vittoria arriva così, alla fine, è ancora più bello.
22:52 21 ott
22:50 21 ott
22:49 21 ott
22:49 21 ott
22:47 21 ott

Inter on Twitter

Twitter“MILANO SIAMO NOI!!! ⚫🔵 #InterMadeOfMilano #DerbyMilano #InterMilan #ForzaInter”
22:47 21 ott

L'Inter vince dunque all'ultimo respiro un derby sporco e combattutto, nel quale la squadra di Spalletti ha provato a fare la gara dai primissimi minuti operando un grande pressing sui portatori del Milan, che invece ha avuto tantissime e insolite difficoltà nel controllo del gioco. L'azione decisiva arriva proprio al 92', quando Vecino è riuscito a pescare con un cross fantastico Icardi sul secondo palo, liberato dalla sbagliata lettura della traiettoria di Musacchioe  soprattutto Donnarumma, uscito praticamente a vuoto. E' il cuore (e anche un po' la fortuna) dell'Inter, che continua dunque nel suo trend di partite vinte negli ultimissimi minuti: con quello di Icardi la squadra di Spalletti ha segnato infatti sette gol negli ultimi 15 minuti di gioco, più di ogni altra squadra in questo campionato. E qualcosa vorrà pur dire. Con questi tre punti l'Inter sale a quota 19 punti scavalcando la Lazio al terzo posto in classifica, mentre il Milan rimane fermo a quota 12 (con una partita in meno)

22:29 21 ott
IL VANTAGGIO DELL'INTER
Incredibile errore di valutazione di Donnarumma che su un fantastico cross dalla destra di Vecino calcola male l'uscita e si lascia scavalcare dal pallone: sul secondo palo Icardi non ha difficoltà a insaccare a porta semi vuota. Alla fine ha vinto la squadra che ha fatto maggiormente la partita.
Dopo quattro gare in cui non aveva trovato nemmeno un gol, Mauro Icardi ha segnato nelle ultime tre di campionato. L’Inter ha segnato sette gol negli ultimi 15 minuti di gioco, più di ogni altra squadra in questo campionato.
22:27 21 ott
93' - GOL DI ICARDI, INTER AVANTI 1-0!!!!!
22:25 21 ott
90' - 3 minuti di recupero
22:23 21 ott
87' - Ultimi tentativi dell'Inter che prova a sfruttare la freschezza dei due esterni offensivi, Keita e Candreva, ma non riesce a trovare lo spunto decisivo per bucare la difesa rossonera

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' LETTI DI OGGI
I più letti di oggi