Juventus, Paratici su Allegri: "Suo futuro non dipende da Champions. Parlerà con Agnelli"

Serie A

Il direttore sportivo bianconero ha parlato nel pre partita del San Paolo: “Il rapporto con Allegri incrinato dopo Madrid? No, è una leggenda metropolitana. Il suo futuro non dipende dalla Champions. Parlerà con il presidente e insieme vedranno che strada prendere”

NAPOLI-JUVE LIVE

ALLEGRI: “TROPPE CRITICHE. FUTURO? VEDRO’ AGENELLI”
 

Ritrovare certezze, gioco, senza smettere di vincere. La Juventus impegnata a Napoli ha un solo obiettivo: dare la spallata decisiva al campionato e recuperare energie mentali in vista del ritorno di Champions contro l’Atletico Madrid. Servirà l’impresa, ci voranno tre gol. Per questo i bianconeri mirano ad arrivare allo scontro del prossimo 12 marzo al top della condizione. Compreso Allegri, che dopo la batosta del Wanda non ha vissuto giorni tranquillissimi: “Ma tutto quello che si è detto sui nostri rapporti è una leggenda metropolitana”. Lo specifica Fabio Paratici ai microfoni di Sky Sport nel pre partita del San Paolo: “Il confronto che abbiamo avuto con il Mister dopo Madrid non si discosta da quelli che abbiamo tutti i giorni – ha continuato – i nostri faccia a faccia non devono per forza essere negativi, anzi. Sono sempre molto postivi. Io, Nedved e il presidente Agnelli parliamo sempre con Allegri di Juventus e del calcio in generale. Il suo futuro non dipende dalla Champions o dallo scudetto, ma è legato ad un progetto. Dopo la gara con l’Atletico parlerà con il presidente e insieme vedranno che strade prendere”. Il discorso si sposta poi sulla partita contro l’Atletico, forse vero spartiacque della stagione juventina: “La Juve è un grande club e di conseguenza cerca la vittoria in ogni competizione. Ci sono aspettative e pressioni, ce le mettiamo noi, non c’è bisogno che lo facciano anche gli altri. E poi dall’altra parte ci sono anche gli avversari, che ogni tanto ci rubano l’idea". Conclusione su un possibile futuro di Allegri all'Inter di Marotta: "Non credo sia il momento di parlarne, giochiamo una grande partita, poi si vedrà. Siamo venuti a Napoli, come sempre, per far la migliore prestazione possibile, è un grande appuntamento, la prima squadra contro la seconda squadra del campionato italiano. Speriamo sia una grande spot per il nostro calcio, come lo è stato per il campionato spagnolo Real Madrid- Barcellona".

I più letti