Bonucci: "Buu a Kean? Ha sbagliato anche lui. Colpe a metà con i tifosi"

Serie A

Il difensore della Juventus ha commentato quanto è accaduto dopo il 2-0 dei bianconeri a Cagliari: dalla reazione di un piccolo gruppo di tifosi, al nervosismo di Matuidi. "Credo che la colpa sia al 50 per cento di Moise e al 50 dei tifosi"

KEAN ESULTA, CORI DALLA CURVA. VIDEO

KEAN, RISPOSTA SOCIAL DI BALOTELLI E KOULIBALY

CAGLIARI-JUVENTUS 0-2, GOL E HIGHLIGHTS

ALLEGRI: "BANDIRE A VITA GLI IMBECILLI DAGLI STADI"

GIULINI: "BUU A KEAN? ANCHE CON BERNARDESCHI..."

"Kean sa che quando si fa gol deve solo pensare a esultare con la squadra, abbracciarsi tutti insieme. E' stato un episodio e sa anche lui che poteva fare qualcosa di diverso". Leonardo Bonucci commenta così quanto successo dopo il 2-0 segnato dalla Juventus a Cagliari, realizzato da Moise Kean. Il numero 18 bianconero, dopo aver spinto alle spalle di Cragno l'invito di Bentancur, è andato sotto la curva del Cagliari, fermandosi a guardarli, provocando la risposta della tifoseria di casa. Il giocatore aveva sentito qualche insulto razzista nei suoi confronti, da una piccolissima parte di tifosi. Nella stragrande maggioranza dello stadio, infatti, non si è avvertito nulla di tutto questo, al punto che non solo gli arbitri ma anche gli altri addetti a bordocampo non hanno segnalato nulla. La situazione è degenerata dopo l’esultanza di Kean. Un vero peccato in una bella festa di pubblico, anche se va detto che anche se erano pochi i razzisti ignoranti, non per questo non vanno condannati.

Pjanic: "Kean e Matuidi sono dispiaciuti"

Festa dei 29 anni con vittoria sul campo per Miralem Pjanic. Il centrocampista bosniaco, tra i migliori della Juventus nella serata di Cagliari, si è soffermato ai microfoni di Sky Sport sulla coda che ha caratterizzato il finale di partita: "Kean e Matuidi sono dispiaciuti, soprattutto Blaise perché è il secondo anno di fila che gli succede a Cagliari. Ci dispiace, spero che chi ha il potere di prendere delle scelte lo faccia. Dispiace, i ragazzi la vivono male e la viviamo male anche noi". Dalla Sardegna, la Juventus torna a Torino con tre punti, che portano i bianconeri a quota 81 dopo 30 partite di campionato. "Quella di Cagliari era una partita fondamentale, vogliamo vincere quanto prima possibile lo scudetto e poi concentrarci sulla Champions - l'ammissione di Pjanic - competizione nella quale vorremmo arrivare in fondo. Vanno fatti i complimenti a tutti, perché nonostante le assenze abbiamo tante alternative ed è merito della società, che mette a disposizione del mister una grande squadra". Alla quale presto potrebbe aggregarsi nuovamente Cristiano Ronaldo: "Se ci sarà contro l'Ajax? Cristiano è nato per queste partite - la risposta di Pjanic - noi speriamo di averlo poi decideranno lui e i medici se rischiare o no. Ma è un calciatore che si conosce bene e sarà lui stesso a decidere".

I più letti