Per vent'anni responsabile del settore giovanile dell'Atalanta, era considerato un vero e proprio guru. Nel club nerazzurro ha creato un modello capace di sfornare grandi talenti, le sue prime scoperte al Como, dove lanciò Borgonovo e Zambrotta