Chi è Simone Muratore, il centrocampista della Juve convocato per il derby di Torino

Serie A

Luca Cassia

Convocato da Allegri al posto di Emre Can per il derby di Torino, il mediano classe 1998 in forza all'U-23 diventa l'ultimo talento lanciato in stagione dai bianconeri. Cresciuto nel vivaio della Juve, Muratore ha superato due gravi infortuni e convinto per carattere e mezzi fisici: doti riconosciute nel ragazzo che dice d'ispirarsi proprio a Can

JUVE-TORINO LIVE

DOVE VEDERE JUVE-TORINO

JUVENTUS: NEWS - CALENDARIO - CLASSIFICA

L’ultimo nell’ordine era stato Matheus Pereira gettato nella mischia nel finale contro l’Inter, ma prima di lui era toccato ad altri talenti della formazione U-23. Chi risponde all’appello sono i vari Nicolussi Caviglia e Kastanos, Gozzi e Mavididi, tutti schierati da Massimiliano Allegri sulla strada dell’8° scudetto consecutivo della Juventus. Fiducia ai giovani che non era mancata anche nei casi di Del Favero, Fagioli, Coccolo e Moreno, ragazzi in rampa di lancio e convocati dall’allenatore bianconero senza tuttavia scendere in campo. Chissà se la chiamata riservata a Simone Muratore gli regalerà il battesimo in Serie A, magari nel derby di Torino: convocato al posto di Emre Can, out per problemi muscolari, il centrocampista 20enne saluta temporaneamente la squadra la squadra di Zironelli e si aggrega ai campioni d’Italia destinati all’incrocio cittadino contro i granata. Una chance importante per un giovane di sicuro affidamento, mediano e uomo d’equilibrio che dice d’ispirarsi proprio a Can. Solo pochi giorni fa spiegava di sognare l’impatto tra i big: sarà finalmente giunto il suo momento?

Chi è Simone Muratore, mediano che studia Emre Can

Classe 1998, originario di Villafalletto a Cuneo e cresciuto nel vicino vivaio del Saluzzo, Simone Muratore si aggrega dal gennaio 2012 alle giovanili bianconere maturando l’intera trafila e consacrandosi nella Primavera di Grosso prima e Dal Canto poi. Già capitano e leader innato, l’ultimo gioiello della Juve è un mediano dalle importanti doti fisiche (186 centimetri d’altezza) e tecniche come ribadito dai numeri: 9 i gol segnati nei vari campionati Primavera con un picco massimo di 7 reti nella stagione 2016/17, bottino finora ostacolato da due gravi infortuni. Prima la rottura del legamento crociato nel 2015 nel match contro il 'Gladbach, problema riscontrato pure al termine della stagione seguente con lo stiramento nello stesso punto. Più forte dei problemi fisici, Muratore si è ripreso con gli interessi il tempo perduto assestandosi nella Juventus U-23 allenata da Mauro Zironelli: 36 gare complessive, due gol e quattro assist per il centrocampista 20enne più volte premiato con la fascia di capitano. Detto dell’identikit calcistico, infatti, è proprio il carattere l’arma in più dell’ambizioso Muratore che mescola corsa e sacrificio dal suo arrivo in bianconero nove anni fa.

Leader nella Juve U-23, la Serie A è il sogno

Già compagno di Kean che ritroverà in prima squadra, Muratore ha spiegato di aver avuto Claudio Marchisio come modello nella sua formazione prima dell’avvento di Emre Can, giocatore nel quale dice di rivedersi. I più attenti ricorderanno il suo nome nella lista dei convocati contro il Milan (25 gennaio 2017 in Coppa Italia) e Tottenham, incrocio casalingo della Champions League disputato nella scorsa stagione. Pedina insostituibile nella giovane Juventus di Zironelli dopo i numeri ottenuti con la Primavera, l’ultimo talento lanciato dai bianconeri vanta anche 10 presenze ufficiali nelle Nazionali giovanili dall’U-16 di Vanoli all’U-19 di Baronio fino al 2016. Tatticamente intelligente e all’occorrenza schierabile in difesa (proprio come Emre Can), Simone ha un prezzo fissato a 125mila euro (secondo Transfermarkt) e attende la sua chance in prima squadra. Lo spiegava pochi giorni fa a Radio Sportiva a partire dalla sua presenza nell’U-23: "È un progetto che merita, i ragazzi del vivaio non vengono persi di vista e ricevono un’opportunità. Siamo qui sotto il controllo di Allegri e della prima squadra: allenarsi con campioni del genere ti fa crescere e migliorare giorno dopo giorno". Risolti gli infortuni e superato l’esame in C, Muratore aveva ribadito la sua volontà di misurarsi con la massima serie: "Il mio sogno si chiama Serie A, sono contento per i miei compagni che hanno sfruttato bene l’occasione. Spero arrivi quel momento anche per me". E chissà che l’esordio non sia davvero imminente nel derby di Torino.

Visualizza questo post su Instagram

⚪️⚫️🏋🏻‍♀️🏆👑 @cristiano

Un post condiviso da Simone Muratore (@simonemuratore) in data:

I più letti