Roma news, Pellegrini: "È ora di vincere, non vogliamo porci limiti"

Serie A

Il centrocampista della Roma ha parlato del suo momento e di quello della squadra, nell’intervista rilasciata a Sky Sport: "Ci stiamo adattando al calcio di Fonseca, ora è il momento di vincere. Sassuolo esperienza meravigliosa, sono rimasto legato alla città e alla squadra"

SERIE A, LE PROBABILI FORMAZIONI DELLA 3^ GIORNATA

ROMA, UNDER OUT 5 SETTIMANE

DAL 20 SETTEMBRE DAZN1 SUL CANALE 209 DI SKY: LA GUIDA

Partenza altalenante, quella della Roma, che ha ottenuto soltanto due punti nelle prime due gare, frutto dei pareggi spettacolari con Genoa e Lazio. I giallorossi riceveranno il Sassuolo e Lorenzo Pellegrini ha presentato così la sfida nell'intervista rilasciata a Sky Sport.

Negli ultimi giorni hai ricevuto diversi complimenti: Roberto Mancini ti ha definito "decisivo ovunque", Di Biagio ha detto di te che sei "il più forte centrocampista oggi in Italia", fino a Totti "fenomenale". Mica male.
"Fa sempre piacere, lavoriamo per fare bene e migliorare sempre. Poi questi non sono complimenti normali, fanno piacere perché arrivano da persone importanti per me".

Con l'Italia, Mancini ti ha schierato anche esterno alto a sinistra. Nella Roma hai giocato in 6-7 ruoli diversi. Come nasce questa tua grande duttilità? 
"Non saprei. Io cerco sempre di mettermi a disposizione e rubare con gli occhi ai compagni che ricoprono i vari ruoli da più tempo di me, cerco di essere attento dando il 100&ì% e di migliorare in qualunque situazione. Mi fa piacere giocare in tante posizioni, almeno metto l’allenatore in difficoltà perché sa che posso essere schierato in più ruoli e io vorrei sempre giocare".

In che ruolo giocheresti la partita della vita?
"Intanto la giocherei (ride, ndr). Mi rivedo di più nel trequartista perché posso inserirmi e ho più libertà, ma la partita della vita la giocherei ovunque".

Domenica c'è il Sassuolo. Che tipo di esame è per la Roma e quale esame è stato per te l'avventura con gli emiliani dove sei cresciuto?
"Deve essere un esame a senso unico, dobbiamo uscire dal campo con i tre punti perché saremo davanti al nostro pubblico. Sarà importante l’apporto dei nostri tifosi, per quanto riguarda il Sassuolo sono molto legato a loro e alla città, è sempre emozionante. È stata un’esperienza bellissima per me, ma domenica voglio solo pensare a vincere".

A che punto è il vostro l'adattamento ai metodi di lavoro di Fonseca? 
"Lavoriamo ogni giorno per migliorare. Io sono molto contento, il mister ci chiede di tenere il comando del gioco ed è una cosa positiva perché sfruttiamo la nostra tecnica, anche in considerazione delle nostre caratteristiche. Comandare il gioco significa non farsi mai sottomettere. Siamo a buon punto ed è ora di vincere".

Mkhitaryan e Smalling li stai conoscendo come nuovi compagni. Cosa possono dare alla Roma?
"Danno esperienza, oltre alle loro qualità di cui non devo essere io a parlarne, sono calciatori bravissimi e a noi ragazzi che magari abbiamo giocato solo in Italia possono portare qualcosa in più. Sono contento di viverli anche a pranzo, stiamo costruendo un gruppo anche fuori dal campo perché penso che questa cosa sia importantissima".

Con questi 10 nuovi acquisti l'obiettivo minimo della stagione tra campionato e Europa League qual è?
"Quest’anno sicuramente non ci poniamo obiettivi, vogliamo migliorare e lo noto ogni giorno e in ogni allenamento. Ma è anche vero e giusto dire che questa Roma debba giocare assolutamente la Champions ed è importante ottenere l’accesso, deve essere il nostro primo obiettivo la qualificazione. Poi non dobbiamo neanche porci dei limiti, perché l’ambizione è una cosa fondamentale per un giocatore e una squadra importante come la Roma".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche