Genoa-Milan, Giampaolo: "C'era pressione, bravi a non mollare. Il gioco arriverà"

Serie A

L'allenatore rossonero dopo la vittoria di Genova: "È stata una partita difficile, c'era pressione e siamo stati bravi a non mollare e a rialzarci quando siamo andati sott'acqua. Avevo chiesto ai ragazzi di dare tutto, il gioco arriverà quando ci sarà più leggerezza. Reina ha grande personalità, mi fidavo di lui. Bravo Paquetà, è entrato bene"

IL MILAN RIFLETTE, GIAMPAOLO ANCORA A RISCHIO

GENOA-MILAN 1-2: I ROSSONERI TORNANO AL SUCCESSO

DAZN1 SUL CANALE 209 DI SKY: LA GUIDA

Il Milan torna alla vittoria, riscattandosi dopo le tre sconfitte consecutive contro Inter, Torino e Fiorentina. Schone spaventa i rossoneri, che poi vincono grazie ai gol di Theo Hernandez e Kessié e al rigore parato da Reina nel finale. Sospiro di sollievo per Marco Giampaolo: "La partita è stata difficile, siamo andati sott'acqua e nella ripresa la squadra è stata brava a rialzare la testa – ha dichiarato l'allenatore rossonero - La pressione era tanta, la nostra è la squadra più giovane e quindi devi essere all'altezza, l'elogio che faccio ai miei ragazzi è che non hanno mollato. Non era importante non sbagliare qualche passaggio o qualche gol, ma dovevamo dare tutto. Volevo che la squadra uscisse a testa alta. Aspetto di vedere giocare meglio questa squadra a calcio quando avrà più leggerezza, ora volevo altre caratteristiche. Bisogna raschiare il fondo del barile sul piano temperamentale, mi è piaciuto come abbiamo sofferto ma anche la sofferenza deve essere più razionale".

"Reina, che personalità! Bravo Paquetà"

Giampaolo poi parla dei singoli, partendo dalla parata decisiva di Reina nel finale: "Durante la partita sono abbastanza freddo e lucido, ho qualche dubbio anche che ci fosse il rigore. Reina ha così tanta personalità che può anche rimediare a un errore, ho avuto fiducia nelle qualità del mio portiere. Paquetà è un ottimo giocatore, ma ne ho tanti così. Poi ci sono momenti in cui hai più lucidità e altri in cui non stai bene, ma mi è piaciuto. Però non condanno Calhanoglu, preferisco parlare di aspetti collettivi. Paquetà è entrato bene, così come Leao. Sono attaccato sia a lui che a Piatek, il Milan ha bisogno di entrambi. Non butto via nessuno, il mio compito è quello di tenere tutti vivi. Bonaventura? Avevamo bisogno di personalità, della capacità di gestire le difficoltà della partita. Mi è piaciuto molto, sa giocare e ha sensibilità. Poi per noi è difficile giocare con tre attaccanti puri, lui ci ha ridato equilibrio".

Bonaventura: "Vittoria importante, ma bisogna migliorare"

Questo, invece, il commento di Bonaventura: "È stata una vittoria importante, venivamo da alcune prestazioni negative e dovevamo vincere. Ma possiamo e dobbiamo fare meglio. Abbiamo tanti giovani, quando c'è un po' di pressione non è facile giocare. Ci dobbiamo abituare e tirare fuori il meglio di noi stessi. L'infortunio? Stare fuori è stata dura, ora sto bene e non vedevo l'ora di giocare. Mi mancava il campo, ho lavorato tantissimo e mi sento bene, ora è solo questione di giocare un po' e starò meglio di prima. Ci vuole qualcuno d'esperienza che parli, ma qui tutti siamo responsabili. Se si prende gol bisogna recuperare, ci siamo riusciti ma dobbiamo fare meglio".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche