Valentina Baggio: "Papà amato ancor di più dopo il rigore sbagliato nel '94"

#CasaSkySport

La figlia di Roberto Baggio a Casa Sky Sport: "E' come se fosse tornato umato dopo un grandissimo Mondiale. Gli manca il campo ma non il calcio, ora fa una vita ritirata nella natura ed è felice così. Ricordo la cerimonia per il Pallone d'Oro, l'emozionante addio a San Siro e un gol in rovesciata dopo l'infortunio. Ora è un padre affettuoso, un cucciolone e passiamo molto tempo insieme"

CORONAVIRUS, GLI AGGIORNAMENTI

Sky Sport celebra Roberto Baggio, uno dei più grandi talenti di sempre del calcio italiano. Dalla Fiorentina al Brescia, passando per Juventus, Milan, Bologna e Inter: il 'Divin Codino' ha fatto innamorare tutti e ha fatto sognare l'Italia intera anche con la maglia della Nazionale. Due scudetti, una Coppa Italia e una Coppa Uefa nel palmarés, oltre a un Pallone d'Oro vinto nel 1993 e a una marea di titoli individuali. E sua figlia Valentina lo ha raccontato nel corso di Casa Sky Sport, partendo da uno dei momento più importanti della sua carriera: "Ogni tanto esce fuori il rigore nella finale del 1994, vado spesso in Brasile e se lo ricordano bene. È un ricordo indelebile della sua vita, ma è difficile parlarne con lui. È arrivato fino a lì con tanta fatica, ma dopo quel rigore forse la gente si è innamorata ancor di più di lui perché è stata la dimostrazione che anche i grandi sbagliano, come se fosse tornato umano". Cosa fa Roberto Baggio ora? "Gli manca giocare - ammette Valentina -, ma il mondo del calcio è cambiato e lui dice sempre di aver dato. Ora si occupa di cose diverse che gli danno comunque gioia. Fa una vita semplice, ritirata e in mezzo alla natura, lui è contento così".

"Il Pallone d'Oro, il Brescia e l'addio a San Siro"

La famiglia Baggio e il calcio: "Ci sono tanti momenti che ricordo legati alla carriera di mio padre - prosegue -, il primo è quando mi portò a 3 anni alla cerimonia per il Pallone d'Oro. Ricordo quando lo portammo a Pavia a un ristorante di amici, ho questa foto in cui io lo abbraccio. Anche l'addio a San Siro fu bellissimo ed emozionante. Poi ricordo un gol in rovesciata al Brescia dopo l'infortunio. I miei amici a scuola mi chiedevano di portarli a casa per avere l'autografo o giocarci un po' insieme. Forse mio fratello ha più ricordi legati al calcio, perché gli piaceva andare agli allenamenti o entrare negli spogliatoi". Una cosa però la conosce tutta la famiglia: "Quando era a casa, papà ci faceva ascoltare i cori del Boca perché è innamorato del club argentino. Ci mettevano grande allegria. La maglia a cui è più legato? Papà ha vissuto bene ovunque, è molto legato a Firenze e sicuramente è legatissimo alla Nazionale. Ho vissuto a Torino, Milano e Bologna, dalla Juve in poi lo abbiamo sempre seguito. A Brescia non siamo andati, papà sapeva che avrebbe smesso dopo poco e rimasi a Vicenza. Sono legatissima a Milano, ancora oggi è la mia città. Ma anche Bologna mi è piaciuta molto, ne sono affezionata".

"Vi racconto il Baggio padre, è un cucciolone"

Timido e riservato, ha sempre preferito parlare con i fatti in campo: "Parla poco soprattutto da quando ha smesso di giocare - dice Valentina -. Abbiamo un bellissimo rapporto, mio papà è speciale. È stato spesso lontano per il calcio, ma ora che ha più tempo è bello goderselo. Nei primi 14 anni l'ho vissuto poco, poi sono andata via io per l'università ma in questo periodo sono tornata a casa e stiamo passando tanto tempo insieme. Fortunatamente abbiamo una bella casa nella natura, siamo tranquilli, con papà giochiamo molto a carte e cuciniamo. Sicuramente caratterialmente ho preso più da lui che da mia madre. Lui è un cucciolone, è affettuosissimo. Non è mai capitato di stare insieme sempre così a lungo, ma lui si emoziona anche quando giochiamo a carte ascoltando musica".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche